ATTUALITA' REGIONALE | lunedì 18 gennaio 2021 15:27

ATTUALITA' REGIONALE | 27 dicembre 2020, 22:26

Il Veneto non ha il 36,3 per cento di positivi sui tamponi: dato erroneo. Precisazione del Dipartimento di prevenzione.

Pubblichiamo il Comunicato di Regione Veneto, Venezia, 27 dicembre 2020 che rettifica notizie non vere diffuse altrimenti.

Il Veneto non ha il 36,3 per cento di positivi sui tamponi: dato erroneo. Precisazione del Dipartimento di prevenzione.

In relazione ai dati sui positivi al Covid 19 in Veneto. riportati oggi dai media, il Dipartimento Prevenzione della Regione del Veneto puntualizza: 1)    Nei giorni scorsi è stata diffusa da Azienda Zero una tabella che fornisce una erronea lettura dell’andamento dell’epidemia da Covid 19 nella Regione del Veneto, in particolare per quanto riguarda le percentuali del numero dei positivi sui tamponi effettuati. 2)    La tabella è stata peraltro redatta sulla base di una norma risalente al febbraio 2020 che prevede come la percentuale dei positivi sui tamponi sia calcolata esclusivamente sul numero dei tamponi molecolari. Da tenere presente che al momento in cui venne emanata la norma i tamponi rapidi non erano ancora disponibili, fecero infatti la comparsa sui mercati soltanto ad aprile. 3)    Occorre evidenziare inoltre che, mentre nel calcolo della percentuale viene inserito soltanto il numero dei tamponi molecolari, il numero dei positivi comprende anche i soggetti refertati con i tamponi rapidi. 4)    La vera situazione epidemiologica del Veneto non può dunque non tenere conto, ai fini del calcolo dell’incidenza percentuale dei positivi, della somma dei tamponi rapidi e di quelli molecolari, considerando che quotidianamente il Veneto effettua circa 20 mila tamponi molecolari e circa 40 mila tamponi rapidi. 5)    Si ricorda che in data 24 dicembre il Coordinamento della Commissione Salute delle Regioni italiane ha inviato una nota ufficiale al Ministro della Salute Speranza e ai tecnici del dicastero nella quale, peraltro, “si richiede che siano precisati chiaramente il totale dei test effettuati (molecolari e antigenici) dalla singole Regioni in tutti i bollettini del Ministero e della Protezione Civile”. 7)    A seguito di interfaccia con la Direzione Prevenzione del Ministero della Salute, abbiamo avuto rassicurazioni sulla pubblicazione del dato dei tamponi rapidi accanto a quello del numero dei tamponi di biologia molecolare.  Questo elemento è strettamente connesso alla modifica della definizione di caso che sarà contenuta nella prossima circolare del Ministero della Salute. La proporzione dei casi sul totale dei test effettuati, sia rapidi che molecolari, consentirà di avere un elemento più preciso per la valutazione degli scenari epidemiologici.

 

 

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore