ESPRIME CULTURA | domenica 17 gennaio 2021 07:40

ESPRIME CULTURA | 18 dicembre 2020, 10:19

La stagione artistica 2021, al Teatro Filarmonico, Verona, 8 gennaio - 31 dicembre 2021. Sei appuntamenti operistici e quindici concerti.

La Fondazione Arena di Verona, volendo dare continuità alla programmazione artistica e certezze a tutti i suoi sostenitori, annuncia una Stagione Artistica 2021, al veronese Teatro Filarmonico, proponendo spettacoli nuovi, a fianco di opere già apprezzate, ed un vasto cartellone sinfonico, anche nel quadro della tutela del lavoro dei dipendenti e degli artisti.

2020, Coro e Orchestra Fondazione Arena di Verona – Foto Ennevi

2020, Coro e Orchestra Fondazione Arena di Verona – Foto Ennevi

Ne risulta una programmazione sostenibile, che potrà svolgersi in qualsiasi scenario, anche qualora dovessero permanere le criticità, che stiamo affrontando, ormai, da diversi mesi, e nel quadro delle quali, il mondo del Teatro ha perso uno degli elementi cardine del “fare musica”: il calore e il rapporto con il pubblico. Si cerca, quindi, di ricostituire il legame tra attori e fruitori, portando l’arte nelle case, ma, soprattutto, rendendo protagonista l’anima più autentica del teatro. I musicisti, le voci e i volti dell’Orchestra e del Coro areniani saranno, infatti, per la prima volta, i protagonisti assoluti della nuova campagna di comunicazione, del materiale promozionale, dei video e delle attività sui social. Gli spettacoli della Stagione artistica 2021 appariranno, sui canali social Facebook, YouTube e sulla nuova webTV arena.it/tv, spettacoli, che hanno fatto registrare oltre 30.000 visualizzazioni, delle quali, un terzo, all’estero… Collaborerà anche l’emittente regionale Telenuovo. Il nuovo progetto “Filarmonico aperto…a casa tua” aprirà virtualmente le porte del Teatro, quindi, a tutti i veronesi, portando la grande musica nelle case e in quante più realtà possibili. Non appena si potranno riaprire gli spettacoli al pubblico, verranno rese note tutte le informazioni per l’acquisto di abbonamenti e biglietti. «Fondazione Arena si prepara al 2021 con la stessa determinazione e lo stesso impegno, che l'hanno vista affrontare e superare le sfide dell'anno, che sta per concludersi – afferma il sindaco e presidente della Fondazione Arena, Federico Sboarina -. Il progetto ideato, per la stagione artistica, si basa sulla creatività e sull'innovazione, oltre che sul coraggio. Tutti questi elementi, dimostrati dal management e dai lavoratori di Fondazione Arena, durante l'estate, hanno reso possibile la messa in scena del festival “Nel Cuore della Musica” e ora anche il lavoro già programmato, per il prossimo anno. Il pubblico del Teatro Filarmonico è un pubblico esigente, abituato a spettacoli, che, negli ultimi anni hanno progressivamente aumentato il livello di qualità proposto. Seppur trasmessi in streaming, i concerti e le opere in programma sapranno ugualmente regalare agli spettatori le emozioni, che solo la musica sa dare. Partiamo con la speranza di poter riaprire le porte del Teatro Filarmonico al suo pubblico, il prima possibile». Il sovrintendente e direttore artistico, Cecilia Gasdia: «Non vediamo l’ora di tornare in Teatro, a fare musica dal vivo, per goderne. insieme al nostro pubblico. Ci siamo attivati, insieme alle altre Fondazioni, per regalare i nostri concerti. rendendoli disponibili con la modalità dello streaming, ma vogliamo riaprire le porte del Filarmonico agli spettatori e lo faremo – nel rispetto delle regole e delle disposizioni – non appena possibile. Abbiamo pensato ad una stagione sostenibile e compatibile, sotto tutti i punti di vista.  Proporremo titoli già applauditi, altri meno conosciuti, e alcuni, addirittura mai eseguiti, al Filarmonico, insieme ad una ricca offerta sinfonica. Sarà una stagione anche per veri intenditori, che permetterà l’incontro, fra l’alta qualità delle proposte artistiche e i gusti del grande pubblico. Un pensiero, infine, va sia al pubblico, che ci sostiene, con grande affetto e solidarietà, sia ai nostri Artisti e Lavoratori, privati di quel rapporto unico, con gli spettatori, e che non vedono l’ora di tornare, a far rivivere, insieme, l’unicità dello spettacolo dal vivo». La Stagione Lirica, a fianco di alcuni titoli più noti, propone vere e proprie rarità, per un totale di 6 produzioni, dal 31 gennaio al 5 dicembre. Essa prevede i seguenti spettacoli: Il Barbiere di Siviglia, Rossini, 31 gennaio; Il Parlatore eterno, Ponchielli, e Il Tabarro, Puccini, 28 febbraio; Dido and Æneas, Henry Purcell, 28 marzo;  Zanetto, Mascagni, 9 marzo, con repliche, nei giorni 11, 13, 16 maggio; Così fan tutte, Mozart, 31 ottobre; repliche: 2, 4, 7 novembre; La Voix humaine (1958), Jean Cocteau, e The telephone (1947), Gian Carlo Menotti, 28 novembre; repliche: 30 novembre, e 2, 3 dicembre. Il cartellone sinfonico, dall’8 gennaio al 31 dicembre, propone 15 concerti con direttori e solisti di prestigio internazionale, attraverso percorsi tematici e cronologici, pensati, per dare vita ad una stagione, volta a soddisfare i gusti più vari: 8 gennaio (in streaming): Mozart, dall’Austria alla Russia,  5 febbraio (in streaming): Respiri e contrasti, 5 marzo (in streaming): Ingegno atipico, 2 aprile (in streaming): Idilli musicali, 9 – 10 aprile: Complicità e ritmo, 16 –17 aprile: Agile e bucolico, 23 – 24 aprile: Voci da camera, 14 – 15 maggio: Bottesini, il Paganini del Contrabbasso, 28 – 29 maggio: Itinerario in Germania, 1 – 2 ottobre: Caelestis musica, musica aeterna, 15 – 16 ottobre: Giovanni Sollima: eclettico violoncello, 5 – 6 novembre: Virtuosismo e impulsività, 12 – 13 novembre: Imponenza e suggestioni, 17 – 18 dicembre, Finezze corali, e 31 dicembre: Concerto di fine anno, appuntamento sempre atteso dal pubblico, per il clima di festa e di allegra condivisione. La Stagione Artistica vede impegnati l’Orchestra, il Coro, preparato per la sesta stagione consecutiva, da Vito Lombardi, e i Tecnici della Fondazione Arena di Verona. Il tutto, frutto di passione e della volontà di dare continuità ad una tradizione culturale, che Verona non vuole fare mancare ai suoi affezionati spettatori, dall’Italia e dall’estero. Ulteriori dati si possono attingere, contattando: Biglietteria Arena di Verona, Via Dietro Anfiteatro 6/b, 37121 Verona, tel.: 045 596517 - Fax 045 8013287, call center: 045 8005151 - biglietteria@arenadiverona.it - www.arena.it.
Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore