ECONOMIA VERONESE e VENETA | lunedì 18 gennaio 2021 15:49

ECONOMIA VERONESE e VENETA | 30 novembre 2020, 23:49

Raccolta di frutta e verdura nelle aziende agricole Veronese. Coldiretti: 13140 gli stagionali, dei quali, molti italiani.

Per la vendemmia e per la raccolta di frutta e di verdura, hanno lavorato, nelle aziende agricole veronesi, nel terzo trimestre 2020, 13.140 stagionali, che, secondo Coldiretti, sono, pure, aumentati rispetto l’anno scorso, con forte incidenza della nazionalità italiana, dovuta al fatto che, a causa del virus, erano bloccati gli ingressi dall’estero, offrendo, così, opportunità alla manodopera locale.

Raccolta di frutta e verdura nelle aziende agricole Veronese.  Coldiretti: 13140 gli stagionali, dei quali, molti italiani.

 

La campagna si conferma come ottima fonte d’occupazione per operai specializzati, meccanici e collaboratori che, fra luglio e settembre, oltre a curare le stalle, hanno assicurato la produzione delle tipicità regionali, vanto del Made in Italy, nel mondo. Altro aspetto dell’impiego di collaboratori, in campagna, è che

Coldiretti Veneto e Verona condannano i gravi episodi di sfruttamento di manodopera, portati alla luce dalle indagini delle Forze dell’ordine, tra le province di Vicenza e Verona e ribadiscono che non c’è posto per chi si pone fuori dalle regole e dalla legge, oltre che dal rispetto per i lavoratori e il lavoro. Un protocollo della legalità, del resto, tra Regione Veneto e parti sociali, comunque, prevede controlli e promuove la cultura della trasparenza e della legalità. I controlli delle autorità, con i casi, venuti alla luce in queste ore – evidenzia Coldiretti – mettono in luce ancora sacche oscure, nelle quali il malaffare si insinua. Nonostante il grande impegno di contrasto, i furbetti continuano ad agire, contro la dignità umana. Ricordando la qualità e lo stile di vita ispirato al Made in Italy, Coldiretti sottolinea l’impegno nella costituzione dell’Osservatorio, contro la criminalità nell’agroalimentare, presieduto dall’ex procuratore, Giancarlo Caselli, nel 2014. In tal senso Coldiretti Veneto rispedisce al mittente le accuse. rivolte al mondo agricolo: “Marcio è chi approfitta del bisogno dei lavoratori e delle imprese, non le imprese agricole, che – lo dimostrano i numeri – assumono regolarmente i lavoratori e garantiscono cibo sicuro e di qualità alle famiglie venete e italiane”, senza dimenticare, aggiungiamo, il forte contributo delle stesse all’export, grande elemento dell’economia.

Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore