ATTUALITA' REGIONALE | lunedì 18 gennaio 2021 15:13

ATTUALITA' REGIONALE | 26 novembre 2020, 22:14

COVID E IMPIANTI SCIISTICI. CARRARO (CONFINDUSTRIA VENETO) E BERTON (CONFINDUSTRIA BELLUNO DOLOMITI):

«LA SALUTE PUBBLICA NON SI DISCUTE MA NON PUO’ ESSERCI CONCORRENZA “SLEALE” INTERNAZIONALE FRA LE VICINE REGIONI EUROPEE. VANNO PREVISTI ADEGUATI RISTORI PER UN SETTORE ALLO STREMO»

COVID E IMPIANTI SCIISTICI.  CARRARO (CONFINDUSTRIA VENETO) E BERTON (CONFINDUSTRIA BELLUNO DOLOMITI):


 
«Fin dall’inizio della pandemia abbiamo detto che la salute pubblica viene prima di tutto. Lo confermiamo anche in questa occasione. Ma non va dimenticato che gli impianti di risalita sono il cuore pulsante dell’economia turistica della montagna: è quindi fondamentale che il Governo trovi insieme agli operatori la soluzione migliore per superare questa fase di emergenza». È quanto afferma il Presidente di Confindustria Veneto Enrico Carraro, in merito alla discussione sull’apertura o chiusura degli impianti sciistici a Natale. «Il Veneto, come altre realtà alpine, si appresta a vivere anni importantissimi per il proprio futuro, grazie ai grandi eventi che interesseranno in particolare la montagna bellunese. Le società che gestiscono gli impianti di risalita dovranno investire, per farsi trovare pronte a questi appuntamenti internazionali. Il Governo deve perciò farsi carico di questa situazione, anche in prospettiva, avviando un confronto serio e costruttivo con gli operatori, che giustamente chiedono garanzie più che aprire a tutti i costi. Sappiamo che il periodo di Natale per gli impiantisti è quello in cui si concentrano i ricavi più importanti di tutto l’anno, ma pensare di tenerli aperti con condizioni estremamente restrittive potrebbe forse causare un danno peggiore della chiusura. Servono perciò ristori adeguati, il rinnovo della cassa integrazione e oltre misure ad hoc. E’ poi fondamentale evitare che le regioni alpine dei vicini paesi europei tengano aperto, aggravando la situazione facendo concorrenza sleale. Sappiamo già che l’Austria, ad esempio, non chiuderà a meno che non si trovi un accordo “economico” soddisfacente a livello di Unione Europea. Tra pochi mesi ospiteremo i Campionati del Mondo di Sci 2021, lavoriamo fin da ora per far sì che possano svolgersi in massima sicurezza e rispettando il calendario previsto».
 
«Le aziende funiviarie stanno già subendo pesanti conseguenze da questo clima di incertezza. – aggiunge Lorraine Berton, Presidente Confindustria Belluno Dolomiti – E’ indispensabile agire subito per individuare possibili interventi così come definiti da ANEF: la parziale compensazione delle riduzioni di fatturato - da calcolare sui mesi di effettiva chiusura o di limitazione dell'attività (es. novembre, dicembre, ecc.); la moratoria sui mutui e sui  leasing; la riduzione del cuneo fiscale (costo del lavoro) in caso di apertura in condizioni di limitata attività (blocco dei turisti stranieri, limitazione agli spostamenti tra regioni dei turisti italiani, ecc.); la sospensione o riduzione degli adempimenti fiscali; la garanzia del trattamento di cassa Integrazione per i lavoratori fissi e l’introduzione di ammortizzatori sociali e di misure di sostegno al reddito per i lavoratori stagionali. Sono ipotesi di lavoro che però vanno subito messe in campo, se vogliamo tutelare e dare un futuro all’industria turistica delle nostre montagne. Con i grandi eventi in programma nei prossimi anni, c’è la necessità di avere un tessuto economico e imprenditoriale sano, che riesca a superare l’emergenza e a progettare il suo futuro».

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore