ANNUNCI E VARIE | mercoledì 02 dicembre 2020 19:30

ANNUNCI E VARIE | 19 ottobre 2020, 09:39

L’ANA - Associazione Nazionale Alpini, Verona, compie 100 anni.

Rimandate le celebrazioni previste, a causa del virus, ma domineranno, fra qualche giorno, nella città scaligera,. su palazzi, monumenti e giardini veronesi, i tre colori d’Italia. Pubblicato un volume e coniata una medaglia commemorativa.

L’ANA - Associazione Nazionale Alpini, Verona, compie 100 anni.

I 100 anni della Sezione della sezione veronese delle Penne nere – 1920 - 2020 – sono stati posti in luce, nell’affollata conferenza, tenutasi il 16 ottobre 2020, presso la sede della Sezione di Verona, via del Pontiere, dell’Associazione Nazionale Alpini. Non si tratta di un semplice centenario, ma di un avvenimento che, in mancanza di celebrazioni adeguate, previste e rimandate, a causa dell’infierire del Corona virus, possono dirsi completamente, generosamente sostituite e realizzate com’è nel carattere e nel costume dell’ANA, dal forte impegno degli Alpini,  che a Verona ed in Italia, si sono fortemente adoperati – nel numero di mille, al giorno – sino dall’inizio dell’apparizione del Corona virus, a favore della collettività. Luciano Bertagnoli, presidente di ANA Verona, circa il rinvio delle celebrazioni in calendario: ”Abbiamo preso questa decisione, con il cuore, gonfio di tristezza, ma, anteponendo il senso di responsabilità, alla voglia di celebrare i nostri 100 anni di storia”. Tuttavia, qualcosa Verona farà: nei giorni 23, 24 e 25 ottobre, palazzi e monumenti cittadini saranno illuminati, con i colori dell’italiana bandiera, mentre, un poderoso volume, curato dall’alpino prof. Vasco Senatore Gondola, e proponente articoli di Autori diversi, è dedicato al centenario veronese. L’opera porta il titolo “1920-2020 Sezione Alpini: cent’anni con Verona” e, in 400 pagine, racconta la centenaria storia della Sezione veronese di ANA, vissuta e realizzata, dentro e fuori i confini territoriali e nazionali, e volta alla valorizzazione delle tradizioni e dello spirito alpino e al servizio della comunità. La Sezione ANA di Verona vide la luce, più precisamente, l’11 aprile 1920, nelle sale dell’allora Caffè Europa, Piazza Bra, nominando a presidente l’avv. Luigi Sancassani. Il primo gruppo, in provincia, fu costituito, nel dicembre 1920, a Caprino Veronese. Oggi la Sezione di Verona conta oltre 20.000 iscritti, fra alpini, che hanno svolto servizio militare, e “aggregati”, ossia, persone, che s’impegnano a vario titolo, nell’Associazione. La quale dispone,  nel caso di immediati interventi di Protezione Civile, di 15 squadre di uom50 mezzi, fra furgoni, jeep, e per il movimento di terra e di materiali. L’ANA non manca, pure, di unità cinofile, di un nucleo pet therapy, di personale specializzato nel rischio idrogeologico, di pompe idrovore, di squadre antincendio, per boschi, di una squadra volo, dotata di droni, di un nucleo rocciatori e d’un nucleo Segreteria d’emergenza. Tutto, per interventi rapidi, mai dimenticando il principio di solidarietà, tanto che proprio gli Alpini stanno preparando, a Porta Vescovo, un treno di materiali, da inviare a profughi, in Grecia. Erano presenti all’incontro il presidente della Sezione di Verona, Luciano Bertagnoli; il presidente nazionale di ANA, Sebastiano Favero; il sindaco di Verona, Federico Sboarina; l’assessore del Comune di Verona, Marco Padovani, e mons. Bruno Fasani, pure alpino, direttore della Rivista “L’Alpino”. Un elogio, dunque, agli Alpini veronesi e italiani, che con passione, entusiasmo ed impegno svolgono, indefessi, sempre, con puntualità e precisione, e a titolo di volontariato, grande attività, con ogni tipo possibile di pronto intervento, a favore dei cittadini e dei nostri territori. Nella foto: moneta da 10.-€, in cu-ni, dedicata, dalla Repubblica di San Marino, alla prevista 93ª Adunata 2020 degli Alpini a Rimini, Raduno, che non ha avuto luogo, a causa de Corona virus.
,Pierantonio Braggio

braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore