ESPRIME CULTURA | martedì 29 settembre 2020 16:47

ESPRIME CULTURA | 19 agosto 2020, 23:06

Regione Veneto e Regione Friuli Venezia Giulia.

Accordo, fra le due Regioni, per la tutela reciproca delle lingue minoritarie, grande patrimonio culturale

Regione Veneto e Regione Friuli Venezia Giulia.

In data 19 agosto 2020, ha scritto Regione Veneto: “Friuli Venezia Giulia e Veneto stringono un'alleanza per la tutela e lo sviluppo delle lingue minoritarie e delle reciproche varietà linguistiche. È quanto stabiliscono due delibere approvate dalle rispettive Giunte con cui le due Regioni hanno dato il via libera ad un "Accordo di collaborazione per la tutela e per lo sviluppo del patrimonio linguistico e culturale della componente friulanofona della Regione del Veneto e venetofona della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia". Presupposto dell'accordo - che attiva una collaborazione richiesta da anni dalle comunità locali - è l'uso della lingua friula, anche in aree circoscritte dei comuni veneti di Concordia Sagittaria, Fossalta di Portogruaro, Gruaro e Portogruaro, ma anche - come riconosciuto nel 2006 dal Consiglio Provinciale di Venezia - nei comuni di San Michele al Tagliamento, Teglio Veneto e Cinto Caomaggiore. Allo stesso modo, in Friuli Venezia Giulia persiste l'uso di dialetti veneti (il triestino, il bisiaco, il gradese, il maranese, il muggesano, il liventino, il veneto dell'Istria e della Dalmazia, il veneto goriziano, pordenonese e udinese), che la Regione è impegnata a valorizzare in base alla legge regionale 5/2010. Con questo accordo, la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia si impegna ad estendere alcuni servizi erogati dall'Agenzia regionale per la Lingua Friulana (Arlef) anche agli organismi veneti riconosciuti, nonché a consentire l'accesso ai finanziamenti regionali per la promozione della cultura e della lingua friulana ai Comuni veneti interessati. La Regione Veneto, a sua volta, s’impegna a promuovere il finanziamento di progetti a sostegno della lingua friulana con i fondi previsti dalla legge regionale 73/1994 e a favorire le iniziative culturali volte all'approfondimento del friulano nell'area del portogruarese, anche con il coinvolgimento delle Università presenti nelle due Regioni. L'accordo ha durata triennale ma potrà essere prorogato. L'Arlef è incaricato della gestione operativa dell'attività. Le due Regioni potranno collaborare per sviluppare iniziative mirate alla piena attuazione delle leggi statali e regionali istituite per la tutela della lingua minoritaria, con particolare riferimento alla componente linguistica friulana presente nel territorio portogruarese del Veneto. Potranno inoltre favorire la cooperazione tra i soggetti firmatari per la salvaguardia del patrimonio linguistico e culturale della componente friulanofona in Veneto e venetofona in Friuli Venezia Giulia. Il friulano potrà essere proposto come attività integrativa nelle scuole dei comuni interessati, così da promuoverne la conoscenza e l'uso della sua grafia ufficiale. Infine, le due Regioni potranno supportare le amministrazioni locali, gli enti, le società pubbliche e le associazioni di categoria nell'attuare progetti per la promozione della lingua minoritaria, il recupero del patrimonio lessicale desueto e la pratica del polilinguismo. Per parte propria la Regione Veneto – sottolinea l’assessore alla sanità e sociale, ai flussi migratori e alle minoranze linguistiche - si impegna a sviluppare, di concerto con il Friuli Venezia Giulia e con il coinvolgimento delle amministrazioni locali, iniziative di sostegno delle minoranze linguistiche, della storia e della cultura veneta nel territorio friulano, anche mediante l'attuazione di progetti statali e comunitari”. Crediamo, che quanto sopra costituisca un ottimo accordo, una validissima iniziativa, addirittura, diremmo, innovativa e pratica, che garantisce vita ai diversi dialetti delle due Regioni, in tema, essendo essi “mezzi d’espressione”, formatisi nei secoli e, ancora oggi, tali, da permettere, a chi li pratica, di infondere più chiaro contenuto, a quanto lo stesso “chi” vuole dare evidenza. Dobbiamo fare in modo, appunto, che tali dialetti, nelle preziose sfumature, che li diversificano, non vadano perduti, invitando anche, a tale scopo, cittadini, che in essi s’esprimono, ed appassionati, a dare a tali dialetti, ove possibile, forma scritta, onde, chi verrà dopo noi, possa avere materiale di studio, su un grande tema, quello, cui daremmo il titolo, in dialetto veronese, questa volta: “Che, almànco, i sàpia, i nostri zóveni, come i parlàva i nostri vèci”! Riteniamo che, sulla cosa, anche il grande Alighieri sarebbe, sicuramente, d’accordo, con Regione Veneto, Regione Friuli Venezia Giulia e, ci permetta, con noi..

Pierantonio Braggio



Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore