ESPRIME CULTURA | sabato 15 agosto 2020 09:56

ESPRIME CULTURA | 01 agosto 2020, 00:09

Mozart ed il suo “Requiem”, per la prima volta , nell’Arena di Verona.

La rappresentazione ha avuto luogo, venerdì, 31 luglio 2020, nel quadro de “Il Cuore della Musica”, pensato per le vittime del Corona virus. In cartellone, per sabato, 1 agosto, gala straordinario, in Arena, dal titolo “Le Stelle dell’Opera”.

Mozart ed il suo “Requiem”, per la prima volta , nell’Arena di Verona.

Verona, o meglio, in questo caso, Fondazione Arena di Verona, no si è fermata, durante l’imperversare dell’epidemia, e mira, tuttora, a dare il meglio, nel campo della musica, dimostrando di non avere dimenticato il suo compito e, quindi, gli appassionati del settore.

Il Cuore della Musica, che è parte del Festival d’Estate 2020, ha presentato, per la prima volta, in Arena, dedicandolo, con raccoglimento e riflessione, alle Famiglie delle Vittime dell’epidemia, la sera del 31 luglio, il capolavoro “Requiem” di Wolfgang Amadeus Mozart. Direttore è stato il M° Marco Armiliato, con la soprano Vittoria Yeo, la mezzosoprano Sonia Ganassi, con il tenore Saimir Pirgu ed il basso Alex Esposito. Guidati dal M° Vito Lombardi, sono stati l’Orchestra ed il Coro dell’Arena di Verona. Il tutto era stato presentato, precedentemente ed ufficialmente da Cecilia Gasdia, sovrintendente di Fondazione Arena, che, fra l’altro, ha evidenziato, come un “Requiem” in Arena, trasformi la stessa, in chiesa – riferendosi a quanto detto, dal vescovo di Verona, mons. Giuseppe Zenti – e onori anche un Mozart, che, a Verona, giovanissimo, nel 1716, ebbe a suonare l’organo della chiesa di San Tomaso Cantuariense, incidendovi la sua personale firma. Per sabato, 1 agosto, l’Arena di Verona invita al gala “Le Stelle dell’Opera”, con Anna Netrebko, Yusif Eyvazov, Ambrogio Maestri e Ekaterina Gubanova.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore