ANNUNCI E VARIE | sabato 08 agosto 2020 11:03

ANNUNCI E VARIE | 01 agosto 2020, 00:05

Risultati di Generali del primo trimestre 2020.

Migliore il 2019. Considerazioni sul prossimo futuro.

Risultati di Generali del primo trimestre 2020.

In base ai dati, al 30 giugno 2020, relativi ai primi sei mesi dell’anno in corso, la Società di Trieste segnala un utile netto del Gruppo di 774 mln di euro, ossia, pari ad un 56,7%, in meno – dovuto ad operazioni diverse – rispetto ai primi sei mesi del 2019, pur rimanendo solida la posizione di capitale e segnando la Solvecy ratio un 194%. Circa il prossimo futuro, scrive, dettagliatamente, nel suo outlook Generali: “In uno scenario, che vede la riduzione graduale delle misure di restrizione, da parte dei vari paesi, colpiti dalla pandemia, si prevede che il PIL globale raggiungerà i livelli minimi, nel secondo trimestre dell’anno, con una contrazione di oltre il 5% e un aumento della disoccupazione che, insieme all'incertezza sulle prospettive economiche e sanitarie, innescano un maggiore risparmio precauzionale, gravando di conseguenza sui consumi. Il forte impulso delle politiche monetaria e fiscale contribuirà a mitigare, ma non a compensare, queste dinamiche. Se, da un lato, si prevede una graduale ripresa, a partire dalla seconda metà del 2020, lo scenario permane altamente incerto. Le maggiori incertezze riguardano l'evoluzione del virus e la capacità di ricercatori e governi di fornire farmaci o vaccini efficaci, su scala globale. Una seconda ondata di contagi, nella stagione autunnale, ad esempio, potrebbe rivelarsi particolarmente dannosa. Le implicazioni del virus sul piano sanitario, sociale, politico ed economico saranno ancora soggette a grandi incertezze. I leader politici europei hanno seguito le iniziative della BCE, in modo coerente, integrando l'audace stimolo monetario della Banca centrale, con la creazione del Recovery Fund, volto a proteggere la stabilità dell'eurozona e a sostenere la crescita, soprattutto nei suoi paesi periferici, contribuendo, in tal modo, a uno sviluppo economico complessivamente meno eterogeneo all’interno dell'area. Tale contesto di incertezza comporta notevoli difficoltà nel valutare l’effetto complessivo, sul settore assicurativo globale. In questo ambito, il Gruppo Generali, grazie al business mix e alla diversificazione, prevede che il proprio risultato operativo continui a essere resiliente nel 2020, sebbene, in probabile flessione rispetto al 2019. Dal punto di vista operativo, le conseguenze macroeconomiche del Covid-19 avranno un riflesso negativo sull’evoluzione della raccolta del Gruppo, in particolare nelle assicurazioni sui viaggi. Per quanto riguarda la sinistralità, dopo la flessione riscontrata nei mesi di lockdown, permane l’incertezza, sullo sviluppo, nella rimanente parte dell’anno. Nel caso in cui si sviluppasse una seconda ondata, il Gruppo può contare, su un business mix favorevole e su solide condizioni contrattuali delle polizze.
Al fine di mitigare l’impatto della riduzione prevista dei ricavi (volumi e proventi finanziari), continuerà l’impegno a ridurre la base costi. In linea con la sua ambizione di essere Lifetime Partner e con il suo impegno, sulla sostenibilità, il Gruppo ha implementato una serie di misure, a sostegno dei propri dipendenti, dei clienti, degli agenti e delle comunità di riferimento. Seppure tali iniziative abbiano un impatto, sulla nostra base costi e sui risultati nel breve termine, tale impegno continuerà in quanto il benessere e la sicurezza dei nostri stakeholder sono un investimento, per il nostro futuro. Considerato l’impatto negativo, derivante dai mercati finanziari e da alcuni oneri non ricorrenti, registrato nella prima metà dell’anno, è atteso un risultato netto del 2020 in calo, rispetto al 2019. Nonostante le incertezze, l’attuale contesto ha confermato la validità della strategia Generali 2021 e dei suoi elementi fondanti, la solidità del modello di business e l’eccellenza tecnica del Gruppo. La rigorosa esecuzione della strategia ha, infatti, permesso a Generali di affrontare questo primo semestre 2020, con solidi fondamentali, sia da un punto di vista operativo, che di posizione di capitale e di liquidità, la quale, anche dopo il pagamento della prima tranche del dividendo, si attesta ai massimi livelli di sempre. Generali proseguirà, pertanto, con l’implementazione della propria strategia: il forte brand, sostenuto dalla prima campagna globale del Gruppo, l’approccio rigoroso nella sottoscrizione e la trasformazione digitale sono e saranno i suoi principali fattori distintivi. La mission del Gruppo di essere Partner di Vita dei propri clienti, offrendo loro soluzioni personalizzate, è ancora più rafforzata dalle circostanze attuali. In un momento, senza precedenti, l’intero Gruppo resta pertanto focalizzato a implementare la strategia Generali 2021”. Previsioni, certamente, non alettanti, ma, legate ad una realtà, creata da un evento senza precedenti, difficile da contrastare, che incide negativamente su ogni attività, anche perché non permette di individuare la sua evoluzione futura.

Pierantonio Braggio



Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore