ECONOMIA VERONESE e VENETA | domenica 09 agosto 2020 01:38

ECONOMIA VERONESE e VENETA | 05 luglio 2020, 17:51

Gita-Forum dell’Associazione socioculturale “La Pianura”, Sanguinetto, Basso Veronese, Verona. Tema: Manutenzione e custodia dell’Ambiente, Bene comune, e, in particolare, del settore acquatico dell’Alto Adriatico.

L’importante uscita ha avuto luogo il 30 giugno 2020, a cura dell’Associazione socioculturale “La Pianura”, Sanguinetto, Verona, guidata dal vicepresidente de La Pianura, Luigi Pellini, in collaborazione, con la Confraternita del Radicchio rosso di Verona, rappresentata da Enrica Claudia De Fanti, Casaleone, con la Confraternita della Pissòta e delle Erbette spontanee, Verona, presieduta da Fiorella Dal Negro, e con la Corte delle Giuggiole e Comunità della Bassa Veronese, rappresentate da Marisa Saggiotto, Cologna Veneta, Verona, quali promotori-ambasciatori delle eccellenze enogastronomiche veronesi, e, particolarmente, della Bassa Pianura o Basso Veronese. L’escursione in navigazione, sulla Laguna della Serenissima, che, organizzata dall’ing. Giovanni Cecconi Linkman della Wigwam Local Comunity Città di Venezia, ha visto assieme amici veronesi e veneziani, mirava – e l’intento è perfettamente riuscito – alla scoperta dell’ambiente naturalistico, che fa da cornice alla meravigliosa Venezia e alla trattazione di argomenti lregati all’ambiente, in generale.

Gita-Forum dell’Associazione socioculturale “La Pianura”, Sanguinetto, Basso Veronese, Verona. 		 Tema: Manutenzione e custodia dell’Ambiente, Bene comune, e, in particolare, del settore acquatico dell’Alto Adriatico.


Ospitate, a bordo della motonave Osvaldo, erano le Aziende, produttrici delle eccellenze enogastronomiche della Bassa Provincia Veronese: Agricola Cazzola, Salizzole, con il suo formaggio duro, L’Opera; Azienda Agricola Passarini Wines, Cerea, e anche Agricola Costa D’oro, Bardolino, Verona. Erano presenti, anche: Assonautica, Contratto di Area Umida Laguna Nord, Venezia, la Delegazione Marchigiana di Pergola, Pesaro-Urbino, ed ACSI Veneto. La giornata, in navigazione, ha fatto toccare i seguenti punti: Canale della Giudecca, Bacino S.Marco, Arsenale, Murano, Burano, S.Francesco del Deserto, Saline, C. dei Bari, Treporti, Sant’Erasmo, Bocca di Lido, Bacan, Sant’ Andrea e Sant’ Elena. Oltre ad essere stato trattato il tema “Mose”, la cui prima prova generale avrà luogo il 19 luglio prossimo, sono stati esaminati gli argomenti: La manutenzione, volano per la cultura e le coltivazioni lagunari - relatore: - ing. Giovanni Cecconi: Wigwam, Venice Resilience lab; Verso un Contratto di Area Umida, per la Laguna Nord di Venezia – relatrici: prof.ssa Maria Chiara Tosi e dott.ssa Marta De Marchi; Il contributo dei Centri sportivi alla salvaguardia ambientale, attraverso la scienza dei cittadini, nelle lagune costiere Alto Adriatiche, a cura di ACSI; Il Fosso e le fontane acqua di vicinato – relatrice: Marisa Saggiotto; Green tour Verde in Movimento e La pista ciclabile Ostiglia Treviso; Il Porto di Mantova e Locarno-Milano-Venezia, l'Idrovia delle opportunità - relatrice: Enrica Claudia de Fanti. L’ocasione è stata propizia, per una guidata degustazione di pane al Radicchio rosso di Verona (prodotto a Casaleone), accompagnato da formaggi e vini veronesi. Per ulteriori infos: 333 2510947; enricaclaudia@gmail.com; enricaclaudia@pec.it.  Se tutti, tutti ci occupassimo di “ambiente”, come si occupano i Signori, di cui sopra – grande esempio di alto impegno – l’ ”ambiente sarebbe, certamente, meno inquinato…, a vantaggio dell’uomo e della natura! L’evento, sopra, brevemente descritto, costituisce un primo atto, glorioso!, di promozione del Basso Veronese e delle adriatiche acque, dopo i peggiori momenti, creati dal virus…

Pierantonio Braggio



Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore