ANNUNCI E VARIE | lunedì 21 settembre 2020 01:14

ANNUNCI E VARIE | 16 giugno 2020, 23:14

AMIA, Verona, diventa sempre più 2.0

Nuova modalità di raccolta del verde domestico. Un servizio informatizzato ed un calendario, per il ritiro dello sfalcio.

AMIA, Verona, diventa sempre più 2.0

Amia informatizza i suoi servizi, proiettandosi in una dimensione sempre più smart, tecnologicamente all’avanguardia, garantendo così alla cittadinanza veronese, prestazioni sempre più efficienti e puntuali. Adeguandosi alle normative, la società, presieduta da Bruno Tacchella, introdurrà importanti novità, a partire dal 1° luglio 2020, circa la modalità della raccolta del verde domestico, in tutta la città di Verona. Un servizio, quello della raccolta dello sfalcio dell’erba, particolarmente sentito e che riguarda migliaia di famiglie veronesi, tenendo presente che bisogna distinguere fra la voce “umido”, che è materiale organico, e la voce “verde da sfalcio”. Tale divisione o selezione è di grande importanza, per il migliore impiego dei due prodotti. Le novità interesseranno due tipologie di utenze: le residenti, in zone servite da cassonetti stradali, già in possesso del bidone, per il verde, e quelle, che abitano in are, dove la modalità di raccolta del verde e dell’umido avviene, attraverso il porta a porta. Per la prima tipologia, la raccolta dello sfalcio del verde avverrà attraverso l’esposizione del bidone (che andrà posizionato, a lato dei cassonetti dei rifiuti di altra tipologia), la sera precedente, al giorno previsto dal calendario della zona di residenza. Per così agire, sarà necessario registrarsi in un apposito format, già disponibile in homepage del sito Amia e inserire i propri dati. Gli utenti che si registreranno, riceveranno una mail con tutte le informazioni e il calendario della raccolta, nonché una ricevuta dell’avvenuta iscrizione al servizio, che dovranno stampare e consegnare, all’Azienda, in via Avesani, dove verrà loro assegnato un numero identificativo, entro il 31 luglio.  I cittadini zone citate, che non hanno, nel tempo, ritirato il bidone del verde, continueranno a conferire lo sfalcio d’erba, presso le isole ecologiche Amia. Analoga procedura dovranno eseguire i possessori di bidoni, residenti nei quartieri, dove è invece prevista la formula del porta a porta. Anche in questo caso, i possessori di bidone dovranno registrarsi, sul sito aziendale e riceveranno informazioni e calendario. Le famiglie delle zone porta a porta, che espongono, già da tempo, lo sfalcio con sacchetti dalla capienza di max 10 kg, continueranno, con questa modalità, ma, dovranno esporre lo sfalcio, nelle date previste dal nuovo calendario della zona e che riceveranno direttamente nella cassetta delle lettere, entro fine mese. Le novità sono state presentate, il 16 giugno 2020, dal  presidente di Amia, Bruno Tacchell, e dall’assessore a Strade e Giardini del Comune di Verona, Marco Padovani. “Amia diventa sempre più 2.0. Dopo l’esperimento dei cassonetti ad accesso controllato, un’altra importante novità, che fa di Verona una città sempre più smart e green – ha commentato Tacchella. – Le nuove modalità consentiranno infatti da un lato, un forte abbattimento dei costi nel trattamento dei materiali di rifiuto, dall’altro, raccogliere separatamente lo sfalcio dell’erba dal rifiuto organico, comporterà sensibili migliorie, per l’ambiente e per il benessere della collettività. Contiamo, soprattutto, nella prima fase della nuova modalità, nella collaborazione dei cittadini, che invitiamo, oltre ad effettuare l’apposita registrazione, sul sito Amia, e seguire le relative procedure, a rispettare sempre correttamente il calendario per l’esposizione del bidone. I cittadini riceveranno direttamente a casa apposite brochure, contenenti tutte le indicazioni necessarie e potranno contattare telefonicamente gli uffici Urp, per richiedere qualsiasi informazione”. Il precedente comunicato di AMIA, propone, dunque, un nuovo metodo di differenziazione, utile ai cittadini e ad AMIA stessa. Metodo, che, se consente, da un lato maggiore rispetto dell’ambiente, diventa importante anche, anche in fatto di smaltimento, ossia, di lavorazione del rifiuto, con sensibile risparmio.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore