LO SCAFFALE | domenica 05 luglio 2020 05:25

LO SCAFFALE | 09 giugno 2020, 09:17

Oggi va di moda il dialetto

Quando, a tavola, ci si accontentava di “ròsole” – piantine di papavero – e quando i fiori di papavero abbellivano il manto stradale, sul quale, sarebbe passata la processione del “Corpus Domini”.

Oggi   va di  moda il dialetto


Un articolo, nel dialetto di San Pietro di Morubio, Verona, della scrittrice Lucia Beltrame Menini.
‘N dialèto veronese: Quando, a tàola, se sé ‘cóntentàva de “ròsole” – piantine de papàvaro –  e quando i fiori de papàvaro i abélìva’ fóndo déla stràda, ‘n dó’ pasàva la prócessión del “Còrpus Dòmini”.
Un articolo, ’n dialèto de San Piéro de Mórùbio, Verona, déla scritóra Lucia Beltrame Menini.Siamo del parere, per cui, sempre vadano ricordati i dialetti e le tradizioni locali e non dobbiamo perdere l’occasione, per dare luce a questi due importantissimi temi, onde non vadano dimenticati e restino, in qualche modo, documentati, per le generazioni future. Pubblichiamo, quindi, l’articolo, dal titolo: ”Al tempo dei papàvari” di Lucia Beltrami Menini, apparso sulla rivista “Quatro Ciacoe” – Quattro chiacchere – 6/2020, p. 40, Urbana, Padova. Ciò, perché l’articolo stesso evidenzia, oltre al dialetto locale della scrittrice, come, un tempo, si apprezzasse la straordinaria bellezza del fiore “papavero”, come se ne raccogliessero i germogli, come questi apparissero, poi, in un modestissimo piatto – allora, ci si accontentava di poco! – e, quindi, come i relativi, delicati fiori, servissero ad abbellire il manto della strada, sulla quale sarebbe, poi, passata la processione del Corpus Domini… Un tutto, descritto nella pagina, che sopra riproduciamo, resa straordinaria dalla foto del parlante dipinto  “papaveri” di Michele Cascella, che – scrive Beltrami – è “pitor de fiori e de paesagi”.
‘N dialèto veronese: Sèmo del parér, che sempre i vàga récórdàdi i dialèti e le tradissióni locài e che nó dóvémo pèrdar l’ócasión, par dàrghe lùçe a sti dù ‘mportatìssimi tèmi, parché nó i vàga désmèntegàdi e parché i rèsta, ‘n càlche mòdo, dócumentàdi, par le zénérassióni  future. Pùblichémo, dónca, l’alticolo, dal tìtolo:”Al tèmpo dei papàvari” de Lucia Beltrami Menini, apàrso sùla révìsta “Quatro ciàcoe” – Quattro chiacchere – 6/2029, p.40, Urbana, Pàdoa. Questo, parché stó’ articolo l’évidènsia, óltre al dialèto lócàl déla scritóra, come, un tèmpo, se apréssàsse la strordenària béléssa del fiór “papàvaro”, come se ghé né tólésse su i bùti, come quésti i aparìsse, pó’, ‘n un modestìssimo piàto – alóra, se sé ‘cóntentàva de póco! –, e, ‘ncóra, come i rélatìvi, délicàti fiori, i sérvìsse a abélìr el fóndo déla strada, ‘n dó’ sarìa, pó’, passà la prócessión del  “Córpus Dòmini”… ‘N tùto, déscrìto, néla pàgina, che, déssóra, répródusémo, pàgina, résa straordénària, dàla fóto déla parlànte pitùra “Papàvari” de Michele Cascella, che – la scrive la Beltrami – l’è “pitor de fiori e de paesagi”.
Pierantonio Braggio





Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore