ANNUNCI E VARIE | lunedì 06 luglio 2020 21:53

ANNUNCI E VARIE | 02 giugno 2020, 09:55

Un “Chiaretto DOC Classico”, anche da Rocca Sveva, Soave, Verona.

Determinante il contributo di 30 nuovi soci, dall’area classica gardesana di produzione.

Un “Chiaretto DOC Classico”, anche da Rocca Sveva, Soave, Verona.

Rocca Sveva, Soave, cresce con il nuovo “Chiaretto DOC Classico”. Un nuovo “Rosato”, dovuto all’ingresso, nella Famiglia Rocca Sveva, di 30 nuovi soci della corrispondente area di produzione. Rocca Sveva, già fortemente nota per i suoi vini dell’alta tradizione veronese, si arricchisce della nuova referenza, resa possibile da nuovi conferitori dell’area classica, che si estende, sulla sponda orientale del Lago di Garda. L’ambizioso vino rosato, sinonimo di freschezza e di facile beva, in ogni stagione, ha goduto, negli ultimi anni, una sorprendente crescita, anche Italia, in particolare, fra i giovani e Rocca Sveva, da sempre rappresentante di produzioni d’eccellenza, non poteva lasciarsi sfuggire questa grande occasione. “La tenue tonalità rosa salmone, le note di melograno e ribes, la ricerca di finezza e d’eleganza, la freschezza e la sapidità al palato, rappresentano i tratti salienti del nuovo vino, che ha tutti i requisiti necessari, per conquistare il pubblico. Ottimo per un aperitivo, l’innovativo Rosato bene si sposa, con antipasti a base di pesce o di verdure, ed è perfetto anche, con diversi piatti della cucina estiva italiana, come la Caprese o il Prosciutto e melone”. «L’ingresso dei nuovi soci, dall’area del Lago di Garda e la contemporanea nascita del Chiaretto DOC Classico Rocca Sveva non possono che essere accolti, come segnali positivi, per la nostra attività. Vedere che sempre più realtà credono in noi, ci stimola a fare ancora meglio. Siamo consci di essere un punto di riferimento, per le denominazioni veronesi; si tratta di un ruolo di cui andiamo fieri e che cercheremo di ricoprire, al meglio, anche in futuro», commenta Wolfgang Raifer, direttore generale di Cantina di Soave. La notizia è più che interessante, particolarmente, nel momento difficile, nel quale ci troviamo, latrice, com’essa è, di un grande segno di volontà di progredire e di ampliare l’offerta, con un nuovo, attraente prodotto, in un settore determinante dell’economia veronese.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore