ANNUNCI E VARIE | lunedì 06 luglio 2020 23:40

ANNUNCI E VARIE | 28 maggio 2020, 20:56

Gruppo Vicenzi, San Giovanni Lupatoto, Verona.

“Pasticceria, buona per tutti”, ma anche grande attenzione ai collaboratori, all’innovazione e all’ambiente, nel “Rapporto di Sostenibilità”. Approvato il bilancio, Vicenzi guarda al futuro.

Gruppo Vicenzi, San Giovanni Lupatoto, Verona.

Da più di centodieci anni, la produzione dolciaria di Vicenzi non si è mai fermata. Da piccola attività di famiglia, l’attività dell’oggi Gruppo Vicenzi, è diventata una grande realtà, portavoce della tradizionale pasticceria, nel mondo, dove è presente il oltre cento Pesi. Amaretti, sfoglie, savoiardi, biscotti ripieni Grisbì e le altre specialità, firmate Vicenz, sono realizzate, oggi, come allora, con dedizione e cura, per ogni dettaglio. Per creare un po’ di dolcezza e di serenità, durante il recente, pesante tempo di lockdown, l’Azienda veronese ha continuato a sfornare i suoi prodotti, grazie ai propri collaboratori e pensando al prossimo futuro. Collaboratori – duecentonovanta, gli attivi, negli stabilimenti veronesi – per i quali, il Gruppo ha previsto un bonus speciale, per coloro, che hanno lavorato, durante i recenti giorni d’emergenza, e una speciale copertura assicurativa, a sostegno dei collaboratori stessi e delle loro famiglie, anche nel malaugurato caso di contagio. Guardando al futuro, Vicenzi ha definito e approvato il “Rapporto di Sostenibilità”, il primo, nella sua storia ultracentenaria. Vicenzi produce, attualmente, in tre stabilimenti – a San Giovanni Lupatoto, con la sua la storica sede, a Bovolone, Verona, e, a Nusco, Avellino – nei quali, lavorano, complessivamente, trecentocinquantaquattro dipendenti. Il consolidato, del 2019, è stato pari a 124 mln di euro, mentre l’obiettivo è quello di rafforzare la propria posizione di leader, nella nicchia di mercato della pasticceria, in Italia. “I nostri valori – afferma il presidente, Giuseppe Vicenzi – sono da 115 anni, quelli tipici di un’azienda familiare: la passione, l’eccellenza delle materie prime, lo stretto rapporto con il territorio. Non ci limitiamo a creare prodotti, per quanto di altissima qualità, ma crediamo, nel ruolo dell’azienda Vicenzi, all’interno dei luoghi, in cui è nata e cresciuta. Un territorio, che ha dato tanto, in termini di cultura, di dedizione, di umanità, di materie prime, di qualità e al quale l’Azienda vuole essere riconoscente, creando ricchezza, benessere e indotto”. In tale quadro, agli stabilimenti veronesi sono volti importanti interventi, a favore della sostenibilità ambientale. Si tratta di un percorso, iniziato, nel 2017 e che ha portato a realizzare un nuovo depuratore, a Bovolone, il quale permette il rispetto dei più elevati standard ambientali e la verifica, in tempo reale, attraverso un nuovo sistema di telecontrollo. Nella sede produttiva di San Giovanni Lupatoto, l’impianto di depurazione è stato rinnovato e potenziato, con tecnologie di ultima generazione e con un nuovo telecontrollo. La spesa, per i due interventi, è ammontata a circa 300 mila euro. Importante il piano di riqualificazione energetica degli impianti, che ha portato, nel 2019, ad una riduzione dei consumi di energia elettrica, pari all’illuminazione annuale di una città di duemila abitanti, e di gas naturale, equivalente al consumo medio annuo di centoquattordici famiglie. A San Giovanni Lupatoto, quindi, è stato installato un nuovo impianto fotovoltaico, che, l’anno scorso, ha prodotto 137 MegaWatt/ora di energia elettrica, abbattendo le emissioni di CO2. Quanto a materie prime e come impegno verso consumatori e ambiente, sono stati da sempre messi al bando gli Ogm e utilizzato cacao, con certificazione UTZ, che garantisce la provenienza, da agricoltura sostenibile. In fatto d’imballaggi, nel 2019, il 70% del materiale usato è rappresentato da carta – riciclata al 100%, nel caso dei biscotti Grisbì – e il 22%, da plastica, che, a seconda del formato, proviene, da riciclo, fino al 90%. In tema di attenzione ai collaboratori: oltre al bonus citato, previsto per il lavoro svolto durante l’emergenza e la speciale assicurazione anti Covid-19, è stata creata, per tutti i dipendenti la Banca Ore, attivata, in particolare, per lo stabilimento di Nusco, Banca, che destina tempo, a lavoratori, che, per gravi necessità familiari, ne abbiano bisogno. “Elementi come la centralità dei nostri collaboratori, l’alta qualità degli ingredienti, la collaborazione ultradecennale, con gli stessi fornitori – sottolinea il presidente Vicenzi – ci guidano da sempre, ma, grazie a questo ‘Rapporto’, vogliamo fare un passo ulteriore: pure, nella selezione degli ingredienti, abbiamo deciso di privilegiare la sostenibilità, e nella produzione, di puntare sull’innovazione dei processi, per aumentarne l’efficienza, e diminuire le emissioni, contribuendo a valorizzare la nostra comunità di collaboratori, fornitori, dipendenti, che, da decenni lavorano, assieme a noi”. L’idea dell’Azienda è, dunque, di accelerare in questa direzione, per una sfida nuova e avvincente, che porti il Gruppo, oltre l’attuale periodo d’incertezza. “L’emergenza Covid-19 avrà un impatto importante sul nostro modo di vivere, di lavorare e di consumare – chiarisce il presidente Vicenzi – e, per questo, abbiamo deciso di implementare le misure di sicurezza, in azienda: lo sviluppo e l’impiego della tecnologia, per lo “smart working”, avranno un ruolo centrale, nei prossimi anni. Si andranno ad affiancare agli investimenti, per l’efficienza e la continuità produttiva, che si prevedono, nei prossimi 3 - 4 anni, superiori ai 20 milioni di euro”. Noi, sempre diciamo: “Se non ci fosse il privato, se non ci fosse l’impresa”… L’impresa è elemento determinante, per la società, quale fonte di creazione di valore aggiunto, di occupazione e, quindi, di ricchezza, specie, in momenti difficili, come l’attuale, nel quale, il contributo positivo della stessa è essenziale, per superare criticità, per essere d’aiuto ai collaboratori, come in precedenza, abbiamo visto, e per fare importante sinergia, con il pubblico, nell’attenzione all’ambiente. Ottimi risultati…

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore