CONSULENZE e INIZIATIVE | sabato 15 agosto 2020 08:58

CONSULENZE e INIZIATIVE | 20 maggio 2020, 17:51

Esercenti e legge di Bilancio 2020: accesso al credito d’imposta al 30% sulle commissioni

Con alcune banche ci sono i sistemi di pagamento elettronici tracciabili validi ai fini del bonus fiscale

Esercenti e legge di Bilancio 2020:   accesso al credito d’imposta al 30% sulle commissioni

  

Ci  sono delle  soluzioni paneuropea di e-payment che consente di pagare e incassare con un bonifico immediato e irrevocabile tramite il servizio di home banking della propria banca, è tra le modalità che consentono agli esercenti un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate con strumenti di pagamento tracciabili.

 

Tra gli importanti incentivi del Governo a sostegno dei pagamenti elettronici previsti dalla Legge di Bilancio per l'anno 2020, tale bonus fiscale viene riconosciuto a tutti i soggetti tenuti al pagamento delle imposte in Italia che esercitano un’attività commerciale, artigiana o di libera professione avvalendosi di punti di interazione fisici e/o sul canale online.

 

Il credito d’imposta al 30% verrà applicato a partire dal 1° luglio 2020 sulle commissioni dovute in relazione a cessioni di beni e prestazioni di servizi resi nei confronti di consumatori finali, a esclusione delle attività i cui ricavi e compensi relativi all’anno precedente superino i 400.000 euro.

 

Ai fini del riconoscimento del bonus, spetterà ai prestatori di servizi di pagamento che hanno stipulato un contratto di convenzionamento con gli esercenti, l’invio dell’elenco delle transazioni effettuate e le informazioni relative alle commissioni corrisposte all’Agenzia delle Entrate. La trasmissione di tali informazioni dovrà essere effettuata a scadenza mensile - entro il 20° giorno del mese di effettuazione delle operazioni – per via telematica in modalità sicura, ad esempio tramite l’utilizzo della posta elettronica certificata (PEC) e la pubblicazione nell’online banking dell’esercente.

 

L’esercente riceverà successivamente un apposito codice tributo da parte dell’Agenzia delle Entrate, da utilizzare per la compensazione con Modello F24.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore