ECONOMIA VERONESE e VENETA | sabato 15 agosto 2020 10:18

ECONOMIA VERONESE e VENETA | 07 maggio 2020, 22:43

CATTOLICA ASSICURAZIONI: petizione per cambiare lo statuto, tra un po' la raccolte firme digitali.

In attesa che si stabilisca la data dell'assemblea straordinaria che dovrebbe mettere mano allo statuto, alcuni soci si stanno organizzando per valutare la possibilità raccogliere firme digitali a sostegno di una Cattolica più vicina ai soci, un contributo culturale che andrà poi vagliato dal CdA.

CATTOLICA ASSICURAZIONI:  petizione per cambiare lo statuto, tra un po' la raccolte firme digitali.

Dopo la pubblicazione dell'articolo  che intendeva sostenere alcune tesi a favore di una maggior attenzione verso i soci della cooperativa   la proposta sembra raccogliere altri consensi. Si tratterebbe di invitare i soci  a sostenere con la loro firma digitale  una petizione. Il testo  non ancora definitivo che partirà da quelle tesi  pubblicate  su VERONAECONOMIA  sarà definitivo  tra  qualche giorno. Sostanzialmente si ritiene  che, se si  vuole mantenere Cattolica Assicurazioni cooperativa, vadano ribaditi i valori solidali  che l'hanno fatta crescere e  nel contempo rafforzata la figura del socio e l'attenzione del socio, in modo ben distinto da quella dell'azionista e nel rispetto delle rispettive posizioni. Le recenti vicende,   di cui si sono occupati  i media nazionali e locali,   sono stati  per molti soci  momento di  ridiscussione del ruolo della compagnia e del suo modo di governo. La proposta   nel caso venisse poi accolta dal Cda non vuole interferire  con i ruoli di Consb e di IVAs, ma suggerire per una cooperativa qualcosa che esula dai compiti  delle due autorità citate, essendo sostanzialmente miranti a rafforzare il  rapporto  etico  tra soci  e cosità  che ha altissimi  principi  assoluti e  non strattamente confessionali. Al contrario, le varie proposte  giunte in sede assembleare e discusse  in  sedi diverse,   non sembrano soddisfare  il ruolo del socio attento alla vita societaria; esse mirano piuttosto a definire  alcuni  criteri amministrativi che potrebbero essere  validi in molte società quotate,  ma non  in una cooperativa  quale Cattolica Assicurazion . Vedremo se   si giungerà ad una proposta unitaria  e se si  riuscirà in  tempi di limitazioni  da pandemia a portare avanti la proposta che vede il nostro giornale  in prima fila a rafforzare il ruolo cooperativistico di Cattolica Assicurazioni

mz

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore