ECONOMIA VERONESE e VENETA | mercoledì 30 settembre 2020 22:52

ECONOMIA VERONESE e VENETA | 31 gennaio 2020, 17:28

QUANDO LA VITA DI UN ALBERO PROSEGUE OLTRE IL NATALE

Floridea: Ri - albero- per l’ambiente. Successo. 200 vecchi alberi di Natale recuperati e smaltiti correttamente.

QUANDO LA VITA DI UN ALBERO PROSEGUE OLTRE IL NATALE

 
 Come progettato e richiesto alla Clientela, circa 200alberi di Natale, artificiali ed usati, passate le Feste, sono staticonsegnati a Garden Floridea, e, quindi, ad Amia, Verona, che li ha smaltiti. La prima edizione del progetto Ri-Albero, quindi, è stata un vero successo, per l’ambiente, per la promozione di comportamenti virtuosi e per la sicurezza domestica. Cittadini e clienti hanno avuto, dunque, la possibilità di conferire a Garden Floridea i propri vecchi alberi di Natale. Qui, tali alberi sono stati raccolti, edAmia si è occupata di garantire il loro, come detto, corretto smaltimento.“Ora, che gli addobbi di Natale sono stati rimessi a posto – ha detto Maurizio Piacenza, titolare di Garden Floridea – i risultati del progetto Ri - Albero parlano chiaro e sono molto positivi. Abbiamo raccolto circa 200 vecchi alberi di Natale di varie dimensioni: uno straordinario traguardo, per la prima edizione di un progetto pilota. In questo modo, abbiamo contribuitoad una migliore tutela dell’ambiente e a una maggiore sicurezza domestica. Infatti, i vecchi alberi di Natale, talvolta, sono causa di pericolosi incidenti domestici. In più,il tutto si è svolto in un’ottica premiante per chi ha partecipato all’iniziativa: Floridea aveva previsto, infatti, uno sconto per l’acquisto di nuovi alberi sintetici, che rispettano tutte le certificazione di sicurezza. Visto il buon risultato di Ri - Albero, è nostra idea di riproporre, anche per il prossimo Natale, questa campagna di sensibilizzazione alla tutela ambientale”.“Un’iniziativa lodevole che abbiamo deciso di sostenere per un duplice motivo – ha sottolineato il presidente di AMIA,  Bruno Tacchella –.Da un lato si garantisce maggiore sicurezza, evitando potenziali fonti di rischio, dovuti a vetustà, stabilità e cattivo funzionamento di quelli sintetici, dall’altro ottimizzare la raccolta degli alberi, che tante volte, nel periodo pre e post natalizio, vengono, in maniera indiscriminata, abbandonati vicino a cassonetti o in mezzo alle strade. Un'ottima idea che ha sicuramente contribuito al decoro cittadino e all'ambiente". Idea nuova e meritevole d’attenzione, anche perché evita che molti alberi natalizi vengano abbandonati sulla strada o gettati in un cassonetto non idoneo, con conseguenti problemi di smaltimento.
Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore