ESPRIME CULTURA | venerdì 14 agosto 2020 13:49

ESPRIME CULTURA | 16 gennaio 2020, 18:59

Nasce per la matematica una nuova categoria di numeri: Eureka!

Voi tutti che avete studiato un po' di matematica sapete che i cosiddetti numeri in realtà si classificano in vari modi. Dai numeri razionali ai numeri reali, ora abbiamo i numeri "quantrelati". Einstein e Plank sorridono. Ma sottoponiamo ai nostri lettori questa ipotetica categoria per chi volesse approfondire. Noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere. (Max Planck) una formula per la distribuzione statistica dell'energia d

Nasce per la matematica una nuova categoria di  numeri: Eureka!

Forse  non sapete  che da tempo i fisici stanno studianto il modo di riunire le due grandi linee di pensiero  che nel secolo scorso sono maturate per lo studio  dell'infinatamente grande e dell'infinatamente piccolo.  Parliamo della Teoria Generale della Relatività e della Teoria dei Quanti. Finora intanti  ci hanno provato  (tra cui  per decenni anche Steve Hopkins) ma nessuno ci è riuscito. Da queste pagine lancio questa inusitata idea  che forse pone fine  a questa disputa e rilancia un nuovo  modo di  vedere i la relazione tra due  identità che  esistono  nella loro relatività e che fanno si che esistano  anche nell'indefinitezza  della legge quantica che sinteticamente Wikipedia definisce "una formula per la distribuzione statistica dell'energia". Devo premettere cha da tempo ritengo che la statistica  possa essere definita la scienza che nel futuro potrà risolvere diversi enigmi  per la sua precisione indefinita, di cui Gauss  credo sia una dei massimi studiosi e culturi.  Ma tornando ai  qui chiamati numeri "quantrelati"  che mi riprometto di  presentare in  serie di articoli successivi, se il giornale Verona economia me ne darà modo.   Cosa  sono? Sono dei  numeri  che viaggiano in coppie ( A,B) o terne (A, B, C)o altro, e appartengono al mondo dei numeri naturali .  Tale concetto potrebbe soppiantare alcune altre categorie di numeri ( ad es.  gli irrazionali). Per farla semplice, se noi postuliamo  che esistano  il numero 2?3  o .500?1000 o 23?25, dove si legge da due a tre, o da 500 a mille, ecc., avremo la possibilità di definire  un insieme  finito di  muri dove qualunque  valore all'interno di  quel  numero appartiene a  quel  numero "quantrelato" ciò ci permette di definire  e di calcolare  nell'indeterminatezza del campo statistico, uno spazio certo  un valore assoluto.  Ovviamente  io posso  eseguire la somma  di due  numeri "quantrelati",  

ad es. 2?3 +2?3= 4?6

mentre ad esempio  la differenza  potrebbe porsi  in tal  modo 2?3-2?3  sarebbe un  risultato intorno  allo zero.

Per ora ci fermiamo qua, ma se c'è interesse ad approfondire scientificamente questi  nuovi  numeri scrivete al giornale che potrà mettervi in contatto  con me per approfondire questo enigma, che per dirla con Max Plank  difficilmente potremo  svelare  in quanto: "Noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere".

edoardo vittel

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore