ECONOMIA VERONESE e VENETA | martedì 20 ottobre 2020 08:33

ECONOMIA VERONESE e VENETA | 16 gennaio 2020, 20:38

Cattolica assicurazioni: Assemblea straordinaria il giorno 7/3/2020

La compagnia veronese di assicurazioni convoca l'assemblea straordinaria il giorno 7 marzo 2020. Chi fosse interessato ad approfondire i termini troverà sul sito di Cattolica i documenti relativi, mentre per gli approfondimenti relativi il Cda si è riservato. Intanto il 4 ed l'11 di febbraio i soci saranno invitati al Cattolica Center per le anticipazioni sul bilancio.

Cattolica assicurazioni: Assemblea straordinaria   il giorno 7/3/2020

Verona, 16 gennaio 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Cattolica Assicurazioni,
riunitosi oggi sotto la presidenza di Paolo Bedoni, ha deliberato, accogliendo la
richiesta di alcuni soci (Francesco Brioschi, Massimiliano Cagliero, Giuseppe Lovati
Cottini, Credit Network & Finance S.p.A., SH64 S.r.l.), pervenuta il 18 dicembre 2019,
di convocare l’Assemblea straordinaria dei soci di Cattolica Assicurazioni per il 6
marzo 2020, in prima convocazione, e il giorno successivo, 7 marzo 2020, in seconda
convocazione, secondo l’ordine del giorno proposto dagli stessi soci richiedenti:
“Nuove regole di governo societario: modificazioni, eliminazione e integrazioni agli
articoli 1, 22, 23, 24, 27, 29, 30, 31, 32, 33, 37, 38, 39, 40, 41, 43, 46, 47, 48, 59 dello
statuto sociale. Delibere inerenti e conseguenti”. Seguirà, nei tempi di prassi e
secondo legge e statuto, la pubblicazione del rituale avviso di convocazione,
accompagnato dal documento relativo alle valutazioni del Consiglio di
Amministrazione circa la proposta dei soci richiedenti.
La richiesta dei soci e la relativa documentazione vengono poste sul sito internet della
società unitamente al presente comunicato. Le valutazioni del Consiglio di
Amministrazione circa la richiesta stessa saranno rese note sempre sul sito internet
della società, contestualmente alla pubblicazione dell’avviso di convocazione
dell’assemblea.
A margine della riunione, il presidente Paolo Bedoni ha dichiarato: “La decisione del
Consiglio è stata adottata responsabilmente, al di là dei dubbi espressi da vari
autorevoli pareri legali circa la legittimità di alcune clausole proposte dai soci
richiedenti l’assemblea, in un’ottica di piena trasparenza e nel rispetto della sovranità
assembleare e del complesso della compagine societaria”

m.z.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore