ESPRIME CULTURA | venerdì 07 agosto 2020 20:31

ESPRIME CULTURA | 06 gennaio 2020, 11:16

WOLFGANG AMADEUS MOZART A VERONA

A cura della Fondazione Cariverona si terrà nei prossimi giorni un concerto di musiche mozartiane in occasione del 250mo anniversario della visita di Mozart bambino a Verona. Riportiamo sotto ilcomunicato stampa in cui sono riportati oltre che i riferimenti per il concerto anche interessanti aneddoti.

WOLFGANG AMADEUS MOZART  A VERONA

APPUNTAMENTO A VERONA  
MARTEDÍ 7 GENNAIO ALLE ORE 20.30  
NELLA CHIESA DI SAN TOMASO CANTUARIENSE  
PER CELEBRARE LA STORICA ESECUZIONE DEL 1770
DI WOLFGANG AMADEUS MOZART  
 
CONTINUANO GLI EVENTI DELLA SETTIMANA DEDICATA ALL’ARTISTA  
NELL’ANNIVERSARIO DEI 250 ANNI DALLA VISITA ALLA CITTÀ
CON PRESTIGIOSI INTERPRETI PER UN RICCO PROGRAMMA
 DI COMPOSIZIONI MOZARTIANE
 
Attesa per il tradizionale concerto del 7 gennaio diretto dal Maestro Andrea Marcon con la Venice Baroque Orchestra e il Coro del Friuli Venezia Giulia
 
Per celebrare il 250° anniversario a ricordo del viaggio del giovane Mozart a Verona e degli indimenticabili eventi che lo caratterizzarono è nata la rassegna “Mozart a Verona”, una serie di iniziative programmate con il progetto Fondazione Cariverona Cultura insieme a Comune di Verona, Accademia Filarmonica di Verona e Fondazione Arena, attraverso alcuni concerti in sedi prestigiose e con una preziosa mostra presso la Biblioteca Civica, nell’ottica di una collaborazione che intende proseguire in futuro con altri progetti congiunti, con l’obiettivo di mettere in rete risorse e competenze delle diverse Istituzioni a servizio dello sviluppo culturale ed economico della città.  
 
Grande attesa ora per il concerto di martedì 7 gennaio alle ore 20.30 presso la Chiesa di San Tomaso Cantuariense, il tradizionale appuntamento musicale per celebrare la storica esecuzione mozartiana del 7 gennaio 1770.  
 
L’organo custodito presso la Chiesa di San Tomaso, datato 1716 e realizzato da Giuseppe Bonatti, fu suonato dal giovane compositore durante uno dei suoi tre viaggi in Italia accompagnato dal padre che così narra dell’occasione:
“Dopo pranzo ci siamo recati alla Chiesa di San Tomaso per suonare sui 2 organi di questa chiesa, e, sebbene questa decisione fosse stata presa solo durante il pasto e fosse stata resa nota al Marchese Carlotti e al Conte Pedemonte con un paio di biglietti, tuttavia al nostro arrivo si era radunata in detta chiesa una tal massa di folla, che avevamo a malapena lo spazio per scendere dalla carrozza. C’era una tal ressa che siamo stati costretti a passare dal Convento, dove in un attimo ci sono corse dietro così tante persone, che non avremmo trovato posto se i Padri, che già ci attendevano al portale del Convento, non ci avessero preso in mezzo a loro. Passata la porta il trambusto divenne ancora maggiore, perché tutti volevano vedere il piccolo organista.  
(Salzburg, Internationale Stiftung Mozarteum, Bibliotheca Mozartiana, MBA 152, Brief,
Lettera di Leopold Mozart, alla moglie Anna Maria, Verona, 1770, gennaio 7)”
 
Questo speciale e prezioso organo verrà suonato durante l’appuntamento del 7 gennaio da un raffinato e prestigioso interprete, il M° Andrea Marcon, Direttore delle iniziative musicali di Fondazione Cariverona, accompagnato dalla Venice Baroque Orchestra e dal Coro del Friuli Venezia Giulia, con i solisti Margriet Buchberger soprano, Francesca Ascioti contralto, Giacomo Schiavo tenore, Federico Benetti basso.  
Il programma della serata prevede l’esecuzione di sei composizioni dell’artista settecentesco: Exultate jubilate KV 165; Quattro sonate da Chiesa (eseguite sull’organo Bonatti del 1716 sul quale suonò Mozart il 7 gennaio 1770); Messa dell’incoronazione KV 317.
 
GLI ARTISTI
Andrea Marcon è nato a Treviso  nel 1963. Nel 1985 si è laureato al concorso  di Bruges, nel 1986 ha vinto il primo premio al concorso "Paul Hofhaimer" di Innsbruck e nel 1991 ha vinto il primo premio al concorso clavicembalistico di Bologna.
Svolge un’intensa attività concertistica in Europa, USA, Canada e  Asia  nei più prestigiosi festivals e centri musicali in veste solistica e di direttore dell’Orchestra Barocca di Venezia e de La Cetra Basel. (ai Proms della Royal Albert Hall e al Barbicane di Londra, Konzerthaus Berlino, Gewandhaus Lipsia, Concertgebouw Amsterdam, Theatre du Chatelet Parigi, Konzerthaus  e Musikverein di Vienna, Tonhalle Zurigo, Kyoi Hall Tokyo, Carnegie Hall, Alice Tully  Hall-Lincoln Center New York, Palau de la Musica di Barcellona    e Valencia, etc ).  
Ha registrato più di 75 CD in veste di direttore musicale e solistica all’organo  e clavicembalo. Collabora con artisti quali Giuliano Carmignola, Viktoria Mullova, Katia e Marielle Labeque, Magdalena Kozena, Anna Netrebko, Andreas Scholl, Cecilia Bartoli, Patricia Petibon.
Per Fondazione Cariverona ha ideato Voci Olimpiche (primo concorso italiano dedicato all‘opera barocca), Arte e Musica fra Pelmo e Civetta (Festival di Musica Antica) ed Alte Vie Barocche in Val di Zoldo (masterclass estiva di organo storico e clavicembalo).
È titolare della cattedra di Clavicembalo presso la Musik Akademie der Stadt Basel/Schola Cantorum Basiliensis.
VENICE BAROQUE ORCHESTRA
Dall’incontro tra Andrea Marcon e Accademia di San  Rocco  è  sorto  nel 1997 il progetto ORCHESTRA BAROCCA DI VENEZIA - VENICE BAROQUE ORCHESTRA (VBO). L’orchestra dispone di musicisti attivi ormai da anni nel campo della musica antica ed è specializzata nell’esecuzione su strumenti originali. VBO ha tenuto concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti e in Giappone, esibendosi in alcune tra le più prestigiose sedi concertistiche la Royal Albert Hall (Proms), Barbican Center e Wigmore Hall di Londra; Théâtre des Champs Élysées e Théâtre du Châtelet di Parigi, Konzerthaus di Berlino, Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein e Konzerthaus di Vienna, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Tokyo Opera City e Kioi Hall di Tokyo, Tchaikovski Concert Hall di Mosca, Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, Filarmonica di Varsavia, Alte Oper di Francoforte, Philharmonie di Colonia, spesso registrati dalle più importanti reti televisive e radiofoniche. E’ stata ospite, inoltre, dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, dell’Accademia Chigiana a Siena, del Teatro alla Pergola di Firenze, e di molte altre importanti istituzioni musicali.
Tra i solisti che collaborano con l’Orchestra Barocca di Venezia  figurano: Avi Avital, Cecilia Bartoli, Romina Basso, Mario Brunello, Gautier Capuçon, Giuliano Carmignola, Franco Fagioli, Vivica Genaux, Roberta Invernizzi, Philippe Jaroussky, Magdalena Kožená, Katia e Marielle Labèque, Sara Mingardo, Victoria Mullova, Anna Netrebko, Patricia Petibon, Andreas Scholl.
VBO, sotto la direzione di Andrea Marcon, ha al suo attivo registrazioni discografiche per Sony Classical, Deutsche Grammophon-Archiv, Naïve, Erato con le quali ha ottenuto i riconoscimenti della stampa specializzata.
CORO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Il Coro del Friuli Venezia Giulia è nato nel gennaio 2001 e dopo diciotto anni di attività può annoverare quasi 400 concerti, suddivisi in un centinaio di produzioni diverse. Caratterizzato dalla gestione modulare del suo organico, composto da molti giovani provenienti da tutta la Regione, che gli consente di passare dal piccolo gruppo ristretto fino ad arrivare al grande coro sinfonico, è una delle realtà musicali più attive sul piano culturale con all’attivo decine di produzioni, prime assolute e concerti tenuti in tutta Italia ed Europa.
Viene costantemente inserito nei cartelloni dei più prestigiosi teatri e festival. Collabora con rinomati interpreti della musica antica, classica, contemporanea, jazz, pop e numerose orchestre europee: la Capella Savaria in Ungheria, i Solamente Naturali di Bratislava, la Venice Baroque Orchestra per la musica antica, la FVG Mitteleuropa Orchestra, l’Orchestra della Radio Televisione Serba, l’Orchestra della Radio Televisione e la Philarmonica di Ljubljana , la Junge Philarmonie Wien, l’Orchestra Toscanini di Parma, l’ Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e molte altre per il repertorio sinfonico. Oltre ad una ragguardevole attività in Friuli Venezia Giulia, è stato ospite dei più prestigiosi Festival e delle Stagioni concertistiche, tra cui spicca il Festival Monteverdi di Cremona, il Teatro Comunale di Modena, Musica e Poesia a S. Maurizio di Milano, Soli Deo Gloria di Reggio Emilia, Emilia Romagna Festival, Musikverein di Klagenfurt, Stadttheater di Klagenfurt, Wien Musikwoche, Lubjana Festival, Festival Dino Ciani, Mittelfest, Ravenna Festival, Festival Mi.To.
Il Coro del Friuli Venezia Giulia fin dalla sua fondazione è preparato da Cristiano Dell’Oste.
L’ingresso all’evento è libero fino ad esaurimento posti.
Il concerto sarà trasmesso in diretta streaming sui canali social di Fondazione Cariverona.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore