ESPRIME CULTURA | domenica 20 settembre 2020 06:15

ESPRIME CULTURA | 08 dicembre 2019, 09:08

Canzoni napoletane, in via Sottoriva, Verona. Successo della grande iniziativa musical-culturale del M° Emilio Ricciardo.

L’incontro si è tenuto, mercoledì, 4 dicembre 2019, presso il ristorante Tigella Bella, con lo scopo di creare una serata, dedicata alle più apprezzate canzoni napoletane del passato.

Canzoni napoletane, in via Sottoriva, Verona. Successo della grande iniziativa musical-culturale del M° Emilio Ricciardo.

L’iniziativa,  del M° Emilio Ricciardo, attivo vicepresidente della nota Compagnia teatrale “Gino Franzi”, guidata dal presidente Stefano Modena – ideatore di ottimi spettacoli storico-culturali, ha ottenuto il massimo successo, avendo ridato momenti di vita ad arie, a musiche e a testi di eterna validità. Successo, perché Ricciardo, bravura a parte, è costantemente esercitato in materia di musica e di canto, operando, da circa dieci anni, ed attualmente, come cennato, con la “Franzi”, a titolo di volontariato, portando allegria e cultura, anche con la poesia, nelle Case di riposo, confermando, ancora una volta, la grande importanza e disponibilità del volontariato.  Da una felice idea d’incontro, anche per lo scambio degli auguri natalizi, è derivato un interessante e piacevole spettacolo, durante il quale, si sono esibiti, nel bel canto, al suono straordinario del pianoforte del M° Claudio Sebastio, essendo conduttrice Susanna Brunelli, Ricciardo, Rosa Floridia e la Brunelli stessa, con una decina di canzoni napoletane, fra le quali – e non potevano mancare –Torna a Surriento,  O sole mio, ‘O surdato ‘nnammurato, Malafemmena e Tu si ‘na cosa grande. Hanno recitato poesie, in dialetto veronese, Vinicio Filippi e Lidia Cobelli. I signori Renato Iseppi ed Elsa Savio, di Villafrut, Villafontana, Verona, e titolari dell’esercizio, hanno generosamente ospitato l’evento. Il quale è stato reso addirittura travolgente, dall’improvviso, straordinario intervento di studenti della sezione Canto lirico del Liceo Musicale Dall’Abaco, che, nel canto, si sono magnificamente uniti agli interpreti, già in azione. Incontri del genere, meritano massima lode, perfettamente adatti essendo essi a creare e a rafforzare l’amicizia, a iniettare fresca allegria e a dare luce alle tradizioni delle nostre terre, ognuna delle quali, ha molto da fare conoscere e da proporre.
Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore