ECONOMIA VERONESE e VENETA | lunedì 06 luglio 2020 22:56

ECONOMIA VERONESE e VENETA | 01 febbraio 2019, 12:48

Premio “Cara Giulietta” 2019, a cura del “Club di Giulietta”, Verona. L’evento, che premia le lettere vincitrici, giunte da tutto il globo, presso la Casa di Giulietta.

Nel quadro della festa di San Valentino – e di “Verona in Love” –, grande appuntamento con l’amore, a Verona, dedicato alla premiazione delle migliori lettere, giunte, a migliaia, da tutto il mondo, all’innamorata Giulietta. Si tratta di tre missive, scelte, fra le più significative, da un’ormai esperta Giuria, composta dalle “Segretarie di Giulietta”, che, da anni, si occupano dello straordinario fenomeno epistolare, dando una risposta personale – a nome di Verona – a ogni messaggio. Vincitrici, quest’anno, sono Barbara Taddei, insegnante, Pisa; Alessandra Palombo, barlady, Roma, e Biljana Djajic, interprete, Bosnia ed Erzegovina.

Premio “Cara Giulietta” 2019, a cura del “Club di Giulietta”, Verona.                                         L’evento, che premia le lettere vincitrici, giunte da tutto il globo, presso la Casa di Giulietta.

È il coraggio, che tu ci hai insegnato Giulietta. L’amore per me è voglia di restituire, è futuro imminente, è sfrigolio nella pancia e scintille negli occhi”, scrive Barbara. “Io ho amato al limite, Giulietta, e sono stata amata in un modo, che è difficile descrivere. Non ho più baciato, in quel modo, mai più nessun uomo mi ha guardata, con quello sguardo…”, si confida Alessandra.
E Biljana racconta: “Ogni volta, quando sento la sua voce, il cuore comincia a battermi più forte e sento la felicità. Ma, sono disposta ad aspettare. Il mio cuore sa, che lui è l’amore della mia vita”. Il premio, ideato e organizzato dal Club di Giulietta, con il patrocinio del Comune di Verona, sarà consegnato venerdì 15 febbraio 2019, alle ore 18,00, nella suggestiva cornice della Casa di Giulietta. Le vincitrici riceveranno il “Profumo Rosso Verona, della maison “I profumi del marmo”, impreziosito dal tappo-scultura, realizzato dall’artista Piera Legnaghi, per l’Associazione Nazionale Le Donne del Marmo, e trascorreranno il weekend, nella storica Città dell’Amore. Presenteranno l’evento, con lettura delle lettere vincitrici, Marco Ongaro e Giovanna Tamassia. La “Posta di Giulietta” ha una sua lunga storia, che è storia di Verona: già nel lontano 1937, infatti, il custode della Tomba di Giulietta rispondeva alle prime missive, firmandosi “il Segretario di Giulietta” e dando inizio ad un fenomeno, nel tempo, cresciuto in modo esponenziale. Universalità del mito shakespeariano e instancabile attività delle “Segretarie di Giulietta”, fanno sì che centinaia di migliaia siano, ormai, le lettere conservate, oggi, negli archivi del Club di Giulietta, costituendo la massima espressione d’un patrimonio di umanità, unico al mondo. Quanto ai “Profumi del marmo - Rosso Verona”, essi non sono solo profumo, ma vera e propria opera d’arte, resa di maggiore pregio, come citato, dalla scultura-sigillo di Piera Legnaghi, sigillo ad un elisir, che vuole rappresentare l’Amore eterno tra due Amanti. “Fragranza, dedicata al marmo veronese e al mito di Romeo e Giulietta, con un Rosso Verona, che sprigiona il pathos della tragedia shakespeariana, con tutta la forza e l’inossidabilità del grande anfiteatro romano… Le note di Rosa mistica, con il loro equilibrio, l’armonia e il potere afrodisiaco, insieme alle note maschili e selvagge di legno bruciato e un mix di pepe, trasmettono all’immaginazione la sensazione, unica, dell’emozione del primo bacio. Grande lavoro, grande opera per Verona, dunque, quelli svolti, lungo tutto l’anno, dall’ormai navigatissimo e mondialmente noto Club di Giulietta, che, con la stessa passione, lo stesso impegno e la stessa sensibilità del suo creatore, Giulio Tamassia, anch’egli Momumento, strettamente legato alla storia shakespeariana e scaligera, forti e continui mantiene i legami, fra l’ideale Giulietta e le più diverse espressioni, che la stessa sprigiona, negli animi di giovani donne ed uomini, che, da tutto il globo, si rivolgono alla veronese eroina di William.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore