ANNUNCI E VARIE | sabato 15 dicembre 2018 04:16

Cerca nel web

ANNUNCI E VARIE | lunedì 26 agosto 2013, 13:59

“Play the City”, innovativa iniziativa di Fondazione Arena, per il frequentatore delle opere liriche.

Nei tempi liberi, visita a Verona ed al suo territorio, giocando e divertendosi.

“Play the City”, innovativa iniziativa di Fondazione Arena, per il frequentatore delle opere liriche.

A cura di Fondazione Arena e in collaborazione con Francesco Mazzai e Paolo Lampreda, viene offerta al turista, amante della lirica, l’opportunità di scoprire Verona, di viverla, di visitarla e d’interpretarla attraverso il gioco, ricoprendo un ruolo attivo ed appassionato. Ovviamente, il tutto vale anche per chiunque voglia visitare le bellezze artistiche veronesi, non solo essendo accompagnato ed ascoltando, ma agendo di persona. I turisti, divisi in gruppi e in orari predisposti, saranno accompagnati da guide autorizzate, parlanti tedesco, inglese, francese e russo, attraverso determinati percorsi cittadini e saranno invitati, durante brevi soste in punti strategico-artistici della città, a risolvere studiati quiz, riguardanti particolari aspetti di diversi edifici o monumenti. Non sarà un solo turista a preoccuparsi della cosa, ma, insiemi di alcune persone, formati nell’ambito del gruppo stesso in visita. Per il futuro, sono previsti premi per l’insieme che per primo avrà dato la giusta risposta. E’ chiaro che la guida accompagnatrice proporrà dati e storia di tutti i monumenti visitati, a seconda del percorso da realizzare e, ciò, in base a linee-guida predisposte dall’organizzazione, tenendo conto che un tale “giro” avrà una durata minima di due ore circa e che – l’esperienza lo insegna – il visitatore accompagnato non potrà fare a meno di dirsi contento dell’esperienza propostagli. Esperienza, che merita massima attenzione, perché i quiz proposti sono motivo di approfondimenti particolareggiati di quanto può offrire ogni monumento cittadino. Si tratta di dettagli artistici, che nemmeno chi è passato più volte davanti ad un determinato monumento – magari per tutta la sua vita, essendo veronese – mai li ha notati… Un metodo nuovo, di turismo interattivo, che non trascura minimamente storia e leggenda, quali parti integranti del passato storico d’una città.

Ovviamente, Play the City – che svolge la sua attività anche per bambini e giovani – non si limita unicamente a fare conoscere il centro-città, ma è anche in grado di fare conoscere, su richiesta ed in ogni momento, il suo circondario, per lo sviluppo turistico del territorio, con metodo nuovo e mirato a fare cultura, onde offrire al turista, oltre al canto ed alla musica, la possibilità di distrarsi, arricchendo – attraverso una giocosa competizione – il proprio sapere e portando con sé il meglio di Verona.

Fondazione Arena ha imboccato una strada veramente valida, affidando ai due giovani titolari di Play the City una maggiore attenzione per il turista, che nell’attesa di prendere posto nell’anfiteatro, per una spettacolare Aida, non saprebbe, probabilmente, come occupare il suo tempo libero. Fare conoscere Verona ed il suo territorio è il meglio che si possa offrire, specie quando un culturale “giro” ben guidato, viene coronato, alla sera, da uno spettacolo grandioso, nel maggiore teatro del mondo.

Info ed iscrizioni: www.arenafestivalhall.it e arenafestivalhall@arenaextra.it.

 

 

 

 

 

 

 

 

Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore