FIERE ED EVENTI | mercoledì 08 aprile 2020 17:04

FIERE ED EVENTI | 17 febbraio 2020, 17:23

VENERDì GNOCOLAR ALLE PORTE. SUL PALCO JERRY CALA’ E IL ‘BALENA’. ANCHE IL SINDACO IN COSTUME

‘Veronesi tuti mati’ per il carnevale. La sfilata del Venerdì Gnocolar è alle porte. Carri, maschere e figuranti stanno scalpitando.

VENERDì GNOCOLAR ALLE PORTE. SUL PALCO JERRY CALA’ E IL ‘BALENA’. ANCHE IL SINDACO IN COSTUME

È tutto pronto per l’edizione 490, che si preannuncia a dir poco ‘scoppiettante’ a partire dai presentatori dell’evento. Sul palcoscenico, a guidare il corteo mascherato, Jerry Calà e il ‘Balena’, cinque volte Papà del Gnoco, la prima ben sessanta anni fa. Una coppia che non passerà inosservata. E, per la prima volta, la tradizionale sfilata dei carri sarà aperta dal sindaco che, in costume, guiderà la cavalcata di Tomaso da Vico.
 
Il conto alla rovescia per venerdì 21 febbraio è partito. Le maschere la mattina saranno in visita in Provincia, in Prefettura e poi in Comune, dove il sire del Bacanal, per un giorno, sarà nominato primo cittadino. Alle 11, in piazza Bra, prenderà il via la ‘Gran gnocolada’, gnocchi per tutti negli stand vicini al Liston. Sarà inoltre possibile effettuare una visita oculistica gratuita nella clinica mobile di Fielmann.
 
Alle 13.45 inizierà la sfilata. Sette chilometri di percorso, da piazza Bra a San Zeno, lungo i quali sarà possibile vivere e vedere il carnevale da vicino. Novità di quest’anno sarà la divisione del corteo in due parti. Prima sfileranno i 72 gruppi e figuranti a piedi, le 20 maschere provenienti da tutta Italia, le 8 bande musicali, di cui 3 straniere, e gli 8 carri storici. Dopodiché partiranno i 20 carri allegorici in concorso. Tutti potranno votare il preferito, dal 21 al 29 febbraio in tre locali di San Zeno: Hosteria Abazia, ristorante Ai Piloti e bar Al Canton.
 
Il percorso prevede il passaggio del corteo da stradone Maffei e San Fermo, Lungadige Rubele, via Nizza, piazza Viviani, piazza Erbe, corso Portoni Borsari, via Adua, via San Michele alla Porta, via Diaz, corso Cavour, corso Castelvecchio, largo Don Bosco, rigaste San Zeno, piazzetta Portichetti, via San Giuseppe, piazza Corrubio, piazza Pozza. L’arrivo sarà in piazza San Zeno dove fino a tarda sera la festa proseguirà all’interno del Villaggio del Carnevale, con musica e stand enogastronomici.
 
E il weekend non sarà da meno. Domenica 23 febbraio si terrà la prima edizione della ‘Grande cavalcata storica’ con 120 cavalli che sfileranno in città, da piazza Arsenale, rievocando l’incontro tra Tomaso da Vico e Cangrande della Scala.
 
Martedì 25 febbraio, ultimo giorno di carnevale, la festa si sposterà in Gran Guardia per il ballo in maschera ‘Magnifico Convivio’.
 
A presentare tutte le iniziative, questa mattina, in municipio erano presenti il sindaco, gli assessori alle Manifestazioni e al Commercio, il presidente del Bacanal del Gnoco Valerio Corradi, i due presentatori Jerry Calà e Gianni Carli, conosciuto come ‘Balena’, il Papà del Gnoco e i rappresentanti degli sponsor.


“La sfilata del Venerdì Gnocolar è l’evento atteso dall’intera città – ha detto il sindaco -, una delle manifestazioni più importanti dell’anno per l’attaccamento che i veronesi dimostrano per il loro carnevale. Il Bacanal rappresenta l’identità e il legame con il territorio. Una storia lunga 490 anni fatta di tanta passione e dedizione. Ringrazio tutti i volontari che non solo per un giorno ma tutto l’anno si prestano per tenere alta questa tradizione, portandola non solo nelle piazze, ma anche a scuola, case di riposo e ospedali”.
 
“Sarà un’edizione che rimarrà impressa nella mente di tutti, soprattutto dei più piccoli – ha spiegato l’assessore alle Manifestazioni -. Ai carnevalanti, che dimostrano di amare la comunità e la città, va il nostro grazie”.
 
“Un’occasione per promuovere le eccellenze enogastronomiche – ha concluso l’assessore al Commercio – e per concretizzare importanti sinergie tra gli operatori economici e commerciali della città”.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore