ESPRIME CULTURA | mercoledì 19 febbraio 2020 08:54

ESPRIME CULTURA | 05 febbraio 2020, 10:57

Fondazione Arena di Verona - 2° Concerto della Stagione sinfonica 2020. Teatro Filarmonico, 7 ed 8 febbraio 2020.

Capolavori dell’Ottocento, di Mozart, Weber e Beethoven saranno rappresentatati venerdì, 7 febbraio, alle ore 20.00, e sabato 8 febbraio 2020, alle ore 17.00, al Teatro Filarmonico.

Fondazione Arena di Verona - 2° Concerto della Stagione sinfonica 2020.   Teatro Filarmonico, 7 ed 8 febbraio 2020.

Fondazione Arena propone, con quanto sopra, il secondo appuntamento sinfonico, che vede il ritorno sul podio del Teatro veronese del giovane maestro tedesco, Michael Balke. Il programma comprende tre capolavori dell’Ottocento: la Missa in honorem Sanctissimae Trinitatis in do maggiore K 167, gemma, poco conosciuta di Wolfgang Amadeus Mozart, che impegna orchestra e coro, l’Ouverture da Oberon di Weber, per terminare con la Sinfonia n. 2 in re maggiore, op. 36 di Beethoven. Il giovane direttore tedesco Michael Balke si afferma negli ultimi anni a livello internazionale con un vasto repertorio operistico e sinfonico. Nato a Braunschweig, si diploma in direzione d‘orchestra e pianoforte negli USA al Conservatorio di Cincinnati con James Tocco e Christopher Zimmerman. Dal 2011 al 2016 è Primo Direttore Principale al Teatro di Magdeburg, dove dirige numerosi titoli operistici e amplia il suo repertorio sinfonico. Nelle passate stagioni dirige nuove produzioni di Tosca di Puccini al Teatro di St. Gallen, La Bohème di Puccini al Teatro Reale di Copenaghen e apre la stagione dell´Opéra di Nancy con L'Heure espagnole di Ravel e Gianni Schicchi di Puccini. Nelle stagioni precedenti dirige Roméo et Juliette di Gounod al Teatro Grande di Brescia, Hänsel und Gretel di Humperdinck al Teatro di Kassel e La Traviata di Verdi al Teatro Nazionale di Mannheim. Dirige regolarmente in Giappone: dopo il debutto con una produzione di Die lustige Witwe di Lehár, torna per Madama Butterfly di Puccini e per concerti sinfonici al Teatro Metropolitan di Tokyo. Dirige una nuova produzione di Don Carlo di Verdi al Festival Opera Skäret in Svezia, concerti con Marina Rebeka, alla Tchaikovsky Hall di Mosca, e, con la Münchner Rundfunkorchester, concerti con l’Orchestra Haydn di Bolzano, e, con la Sarasota Orchestra, negli Stati Uniti e debutta con la Royal Philharmonic Orchestra di Stoccolma al Konserthuset. Recentemente prende parte a nuove produzioni: Die Jahreszeiten di Haydn, Il Trovatore di Verdi e Die Gezeichneten di Schreker al Teatro di San Gallo; La Bohème al Teatro di Sassari; serate di gala all’Opera di Sofia e al Festival di Varna; numerosi concerti sinfonici a Monaco, Mosca e Sofia. Tra i suoi attuali impegni ricordiamo: una nuova produzione di Faust di Gounod e un concerto sinfonico al Teatro di San Gallo, concerti sinfonici con i Münchner Symphoniker a Monaco e una tournée in Asia con la Filarmonica Arturo Toscanini di ParmaAnche in ambito sinfonico consolida un importante repertorio lavorando con importanti orchestre internazionali. Dalla stagione 2018/19, ricopre il ruolo di Direttore Principale Ospite al Teatro di San Gallo. Debutta al Teatro Filarmonico, nel 2018, con Salome di Richard Strauss. Torna, per dirigere il secondo appuntamento della Stagione Sinfonica 2020.
 
P. Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore