ATTUALITA' REGIONALE | lunedì 27 gennaio 2020 02:16

ATTUALITA' REGIONALE | 10 gennaio 2020, 21:41

SANITA’. IN VENETO LE AMMENDE SPISAL VENGONO REINVESTITE A FAVORE DELLE AZIENDE PER LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO.

In Veneto, il ricavato delle ammende comminate dagli Spisal in materia di salute nei luoghi di lavoro non ha un significato sanzionatorio, ma viene interamente reinvestito in azioni e progetti di prevenzione e miglioramento a beneficio delle aziende.

SANITA’. IN VENETO LE AMMENDE SPISAL VENGONO REINVESTITE A FAVORE DELLE AZIENDE PER LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO.


 
L’occasione è stata colta con lungimiranza da Confartigianato Vicenza che oggi, alla presenza dell’Assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin, ha presentato il suo ultimo progetto che prevede, con più di 100 mila euro di fondi messi a disposizione dagli Spisal delle Ullss 7 Pedemontana e 8 Berica, la diffusione di 25 nuovi defibrillatori automatici in altrettante aziende di tutta la provincia, che si aggiungono alle altre 119 imprese che hanno già installato l’apparecchio salvavita, in maniera totalmente volontaria e autofinanziata, nell’ambito del Progetto “Imprenditori di Cuore”.
 
Con la Lanzarin erano presenti il Sindaco di Vicenza Francesco Rucco, il Presidente di Confartigianato Vicenza, Agostino Bonomo, il Direttore dell’Associazione, Pietro Francesco De Lotto, il Dg dell’Ulss 8 Berica, Giovanni Pavesi, il Presidente del Comitato provinciale di Coordinamento per la sicurezza nei luoghi di lavoro e Direttore dello Spisal dell’Ulss 7 Pedemontana, Liviano Vianello, il Comandante dei Vigili del Fuoco di Vicenza, Luigi Pio Diaferio.
 
“Gli imprenditori veneti e vicentini – ha detto la Lanzarin – sono bravi e onesti. Anche quando sbagliano, magari perché messi in difficoltà dalla troppa burocrazia, non vanno colpevolizzati. Reinvestire in interventi nelle aziende come questo è un segno di civiltà e un riconoscimento di un loro importante ruolo sociale, oltre che economico, perché buona parte di questi apparecchi sono installati all’esterno delle aziende e, per questo, utilizzabili dall’intera collettività.”.
 
“Nel periodo 2012-2016 – ha rivelato l’Assessore – in Veneto abbiamo reinvestito così 9 milioni di euro, e altri 3,5 milioni sono relativi al 2017. Un milione 100 mila euro sono andati nel vicentino, dove sono in atto ben 12 progetti. In questo senso, Confartigianato Vicenza è un modello virtuoso da esportare”.
 
Nell’occasione è stato inaugurato il defibrillatore installato all’esterno dell’ingresso della sede di Confartigianato Vicenza, che si aggiunge agli altri 24 nelle sedi periferiche.
 
La “rete salvavita” di Confartigianato è integrata con la rete telecontrollata dal Suem 118 ed è stata realizzata in collaborazione proprio con il Suem per capire quali siano le zone “scoperte” e quindi installare gli apparecchi nei punti più utili. Non solo ma, hanno annunciato oggi Rucco e Bonomo, si lavorerà a un’integrazione complessiva di questa “rete artigiana” in quella legata al progetto di Vicenza Città Cardioprotetta.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore