ATTUALITA' REGIONALE | lunedì 27 gennaio 2020 01:07

ATTUALITA' REGIONALE | 04 gennaio 2020, 21:54

GARMONT RINNOVA IL MANAGEMENT

Garmont International ha chiuso il 2019 con un giro d'affari di 20,2 milioni di euro, in netta crescita rispetto ai 18 milioni dell'anno precedente.

GARMONT RINNOVA IL MANAGEMENT

Un vero miracolo imprenditoriale se si considera che soltanto 5 anni orsono l'azienda trevigiana, con altra proprietà, è stata sul punto di chiudere i battenti. Garmont, che oggi esporta l'85% della sua produzione in una quarantina di paesi, primo fra tutti gli Stati Unitit, è uno dei marchi leader nella realizzazione di scarpe da montagna e, soprattutto, è una azienda solida, con i conti in ordine, con un export importante e un mercato interno in notevole aumento. Garmont, oggi guidata da Pierangelo Bressan, sta attuando una riorganizzazione del management con l'entrata di 4 figure di levatura internazionale, da Michele Sofisti, abilissimo manager del lusso, a Lee Godown, un tempo vicepresidente di General Motors, che si occuperà del mercato statunitense (Garmont calza i piedi dei soldati americani); da Frank Gaw, in passato in aziende di rilievo, a Tia Kansara, considerata dal Financial Time come una delle cento donne più influenti al mondo, che aiuterà a sviluppare prodotti ecosostenibili. “Stiamo lavorando per l'evoluzione del prodotto mettendo in atto tutta la più sofisticata tecnologia per produrre anche calzature più da città, non solo da montagna, per l'outdoor a 360 gradi”, dice Bressan, “certo che la riorganizzazione del management porterà a risultati ancor più eccellenti”. 350 mila paia le calzature prodotte in un anno delle quali ben 150 mila finiscono negli Usa. 

giorgio n.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore