POLITICA & SOLIDARIETA' | domenica 08 dicembre 2019 04:08

POLITICA & SOLIDARIETA' | 01 dicembre 2019, 18:36

TSUNAMI VENETO , il Partito Dei Veneti inizia la campanga per le regionali

In tutto il Veneto, agli ordini del Coordinatore Giacomo Mirto, ben dieci sigle di gruppi di autonomisti per l'autogoverno hanno capito che presentarsi divisi non sarebbe stato utile ed allora si sono costituiti nel comitato promotore del Partito dei Veneti.

TSUNAMI VENETO , il Partito Dei Veneti inizia la campanga per le regionali

Moderati nei termini, ma decisi  nel principio di difendere gli interessi dei Veneti, di chi vive e lavora  nel Veneto, un centinaio di attivisti della provincia di Verona hanno fatto lo TSUNAMI  politico assieme a tutte le altre città  venete. Infatti  ieri 30/11/2019  nella varie città gli  organizzatori provinciali hanno dimostrato che sono presenti ed attivi. A Verona la giovane Coordinatrice Provinciale  Daniela Baldoria ha saputo ben miscelare gli interventi in modo  di dare voce alle diverse componenti   che si sono trovate riunite sotto una unica bandiera. Un segnale che rafforza i Veneti, in un momento in cui  l'autonomia chiesta a gran voce, votata da più del 90% dei Veneti  non viene concessa e si  continua a discutere  centellinando i passi, perchè questo sarà un partito di destra di centro e di sinistra contemporanemente. Il partito dei Vneti prenderà ad esempio altri partiti territoriale,  che si occuperà dei problemi territoriali di una grande regione che da oltre due secoli  ha mantenuto la propria identità pur nei tavagli  della storia. Ha fatto il suo intervento  anche il coordinatore regionale Giacomo Mirto che ha evidenziato tra le altre  cose che  molti partiti tradizionali stanno rincorrendo  questa iniziativa  blandendo i veneti a vendersi  allo Stato centrale. In ultimo è intervenuto con calore e grande partecipazione  Lucio Chiavegato  che, come altri, ha fortemente voluto questa riunione di simboli dicendo che questa è l'ultima occasione di far valere l'identità veneta. Al coro  "No se pol far de  manco"  celebre motto veneto che è stato preludio del salvataggo dell'Europa cristiana ed occidentale  l'assemblea si è sciolta ripromettendosi di impegnarsi  per le prossime regionali  quando  si avranno i nomi dei candidati  che sotto questo simbolo, con  la firma del Consigliere Regionale Antonio Guadagnini,  potranno parecipare tranquillamente alle prossime elezioni

mz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore