ECONOMIA VERONESE | lunedì 09 dicembre 2019 22:18

ECONOMIA VERONESE | 24 novembre 2019, 17:26

GLI AMARONE delle FAMIGLIE STORICHE protagonisti all’Institute of Masters of Wine di Londra

Con un grande evento presso l’Institute of Masters of Wine di Londra, concludono i festeggiamenti dei primi 10 anni dell’Associazione.

GLI AMARONE delle FAMIGLIE STORICHE  protagonisti all’Institute of  Masters of Wine di Londra

L'Associazione nata nel 2009 che oggi riunisce tredici storici produttori di Amarone Docg (Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant'Antonio, Tommasi, Torre d'Orti, Venturini e Zenato) e che promuove autentiche interpretazioni di questo vino divenuto icona vitivinicola italiana conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo concludono i festeggiamenti dei primi 10 anni dell’Associazione.  
 
Mercoledì 20 novembre si è svolta una esclusiva Masterclass tenuta dalla Master of Wine Annette Scarfeche ha condotto gli ospiti in un viaggio dalle vigne della Valpolicella fino al bicchiere con una degustazione di 13 Amarone della Valpolicella, uno per ogniFamiglia, a partire dall’annata 2001 e focus sulla viticultura, sulle caratteristiche delle diverse varietà di viti, sulle tecniche di appassimento e vinificazione fino alle leve del marketing,grazie agli interventi di Luca Speri, Giacomo Boscaini e Marilisa Allegrini.
 
“Siamo onorati di aver potuto raccontare l’unicità della terra di Valpolicella edi presentare i nostri Amarone – racconta Alberto Zenato presidente delle Famiglie Storiche - di cui da generazioni ogni singola famiglia e da 10 anni insieme riuniti nell’Associazione LeFamiglie Storiche,ci siamo fatti promotori nel mondo,evidenziandone la qualità e la peculiarità ciascuno della propria interpretazione, in un contesto così prestigioso come l’Institute of Masters of Wine di Londra”.
 
L’iniziativa si è conclusa nel pomeriggio con un walkaroundtastingin cui le Famiglie hanno presentato oltre ad alcuni Amarone e Amarone Riserva, anche i Valpolicella Superiore, Valpolicella Ripasso e Recioto.
 
Masterclass – Vini in degustazione
 
Primo Gruppo
AllegriniFieramonte Amarone della Valpolicella DocgClassico Riserva 2011
TedeschiLa FabriseriaAmarone della Valpolicella Docg Classico Riserva 2011
Guerrieri Rizzardi Villa Rizzardi Amarone della Valpolicella DocgClassico 2011
Masi Mazzano Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011
Torre D'Orti Amarone della ValpolicellaDocg2013
 
Secondo Gruppo
Musella Senza Titolo Amarone della Valpolicella Doc 2009
Tommasi De Buris Amarone della Valpolicella Doc Classico Riserva 2009
Tenuta Sant'Antonio Campo dei Gigli Amaronedella Valpolicella Doc 2008
BrigaldaraAmarone della Valpolicella Doc Classico Riserva 2007
 
Terzo Gruppo
Speri Amarone della Valpolicella Doc Classico Monte Sant'Urbano 2005
Begali Monte Ca’ Bianca Amarone della Valpolicella Docg Classico 2003
Zenato Amarone della Valpolicella Doc Riserva Sergio Zenato 2003
Venturini Amarone della Valpolicella Doc Riserva 2001
 
 
Le Famiglie Storiche
 
Le Famiglie Storiche è un’associazione promossa nel giugno del 2009 da dieci storiche aziende della Valpolicella. Oggi conta tredici soci, prestigiose aziende vitivinicole che da generazioni sostengono e promuovono il territorio: Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Torre D’Orti, Venturini e Zenato.
Le Famiglie Storiche affondano le proprie radici nel solco della tradizione e dell’artigianalità e puntano a far conoscere e preservare non solo i lorovini, ma anche una delle zone più strategiche di produzione vitivinicole italiane: la Valpolicella. Tutte le famiglie mettono a frutto un patrimonio di sapere consolidato nel tempo e un impegno costante alla qualità, alla tradizione e all’innovazione per testimoniare questo grande vino. Il gruppo è composto da aziende storiche, ciascuna con le proprie caratteristiche e filosofia, che hanno dimostrato di saper camminare insieme nel reciproco sostegno l’una dell’altra

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore