veronaeconomia.it | lunedì 09 dicembre 2019 21:55

veronaeconomia.it | 12 novembre 2019, 22:05

Banco BPM Sono stati pubblicati i risultati al 30settembre

Parliamo del terzo trimestre 2019 d’attività di Banco BPM, il quale chiude positivamente i primi nove mesi dell’anno, con un utile netto consolidato di € 686 milioni, in crescita del 30,9%, rispetto al 30 settembre 2018.

Banco BPM Sono stati pubblicati  i risultati al 30settembre

Il risultato, è stato conseguito, contimuando nell’attività di derisking, resa positiva dal calo del NPE. o non performing exposures ratio, che è il rapporto, fra crediti deteriorati ed erogati, al 5,6% (si era al 6,5% a fine 2018), dalla discesa del costo del credito, a 69 punti base, rispetto ai 184 punti base del dicembre 2018, e da una patrimonializzazione, che si presenta solida, con il CET 1  Ratio phased-in al 13,8% e l’indice CET 1 fully loaded, che sale al 12,1%, ambedue, indici di solidità patrimoniale, previsti dalla Banca Centrale Europea, con valore minimo all’10,5%. Il buon andamento del Gruppo è confermato dallo sviluppo dell’attività commerciale, come evidenziato dalla dinamica degli impieghi e della raccolta diretta e dall’utile pre-imposte, cresciuto del 13,5%, rispetto al 30 settembre 2018, attestandosi a € 884 milioni. Tale risultato è stato raggiunto, pur nel noto scenario negativo macroeconomico e di tassi d’interesse non positivi, unitamente alla costante diminuzione degli oneri operativi di un 3,5%, oltre che dalla discesa delle rettifiche su crediti (- 41,5%, rispetto al 30 settembre 2018). Ancora: crescita del risultato della gestione operativa (+ 7,6%, rispetto al 2° trimestre 2019); crescita dei proventi operativi (+ 0,2%, rispetto al 2° trimestre 2019); diminuzione dei costi operativi (- 3,6% rispetto al 2° trimestre 2019); aumento degli impieghi core performing alla clientela (+3,9%) e la raccolta diretta core (+ 7,3%), rispetto a dicembre 2018; raccolta diretta da clientela: € 106,5 miliardi, pari ad un + 4,9% rispetto a dicembre 2018; raccolta diretta “core” € 87,0 miliardi (+7,3%, rispetto al dicembre 2018). Quanto alla posizione di liquidità, essa appare eccellente, con attività stanziabili libere, pari ad oltre € 21 miliardi.
Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore