CONSULENZE e INIZIATIVE | domenica 20 ottobre 2019 04:24

CONSULENZE e INIZIATIVE | 01 ottobre 2019, 00:00

Polizze vita e pianificazione successoria. L’EREDITÀ: COSA DICE LA LEGGE?

La percentuale degli italiani che programma il trasferimento del proprio patrimonio agli eredi o ad altri tramitetestamentosi aggira, secondo una recente indagine (2018) a cura del Ministero della Giustizia – Ufficio Centrale degli Archivi Notarili, attorno al 13/14%. Un dato certamente in incremento rispetto a qualche anno fa, ma decisamente più basso rispetto a quanto fanno, ad esempio, i cittadini del nord Europa, Gran Bretagna in testa, dove il dato sfiora il 50%. Al fine ditutelare al meglio i propri eredi, sia ad esempio per evitare annoseliti ereditarie, sia perefficientare fiscalmenteilpassaggio generazionale, è opportuno dotarsi di un minimo di competenze legali, fiscali ed assicurative per poter utilizzare al meglio le possibili soluzioni che le normative e il mercato offrono e con una serie di articolici proponiamo di aiutare i nostri lettori fornendo utili informazioni utili. L’eredità: cosa dice la legge? In Italia il legislatore ha disciplinato in maniera puntuale il fenomeno dellasuccessione a causa di morte. Vanno innanzitutto distinte due figure di successore: • l’erede universale, ossia colui che letteralmente subentra nei rapporti – attivi e passivi – del defunto; • il legatario, successore a titolo particolare, il quale subentra solo nei rapporti del defunto espressamente indicati. È da evidenziare che l’erede universale succede alde cuiusanche nei rapporti passivi, ossia nei debiti verso terzi. Per questo motivo, per ereditare universalmente, è necessaria l’accettazionedel successore, la quale può essere: • espressa, ossia tramite atto pubblico o scrittura privata; • tacita, ossia desumibile da atti compiuti dal successore che presuppongono la volontà ad accettare; • con beneficio d’inventario, ossia quando – tramite un atto pubblico – l’erede dichiara di non voler fondere il proprio patrimonio con quello del de cuius. In questo caso è inteso che eventuali debiti pregressi saranno eventualmente onorati esclusivamente nel limite del valore dei beni ereditati. Il legatario, ovviamente, non ha di questi problemi. Egli può comunque scegliere di rinunciare all’eredità.(1 continua).

Polizze vita e pianificazione successoria. L’EREDITÀ: COSA DICE LA LEGGE?

G. Vezzari

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore