ECONOMIA VERONESE | domenica 20 ottobre 2019 04:12

ECONOMIA VERONESE | 27 settembre 2019, 19:11

Luca giordano (1634-1705), a Castelvecchio, Verona. In restauro, aperto al pubblico, due sue importanti opere.

Al Museo di Castelvecchio, Verona, sono in restauro, aperto al pubblico, due dipinti del pittore napoletano Luca Giordano: Diana ed Endimione e Bacco e Arianna, eseguiti dal pittore napoletano Luca Giordano, fra il 1675 e il 1680, e giunte al Museo, grazie al legato, del 1937, di Achille Forti. Si tratta di lavori da stanza – pittura di morbida sensualità, virtuosa e brillante – spesso realizzati, in coppia, e caratterizzati da una felice vena narrativa, ispirata alla mitologia... Diana ed Endimione raffigura, rivisitandolo, il mito tramandatoci da Ovidio e Pausania: una notte Diana, imbattutasi nel pastore Endimione, che stava dormendo sotto un albero, se ne innamorò follemente e pregò il padre Zeus di mantenerlo eternamente in quello stato, donandogli così sonno e giovinezza eterni. Luca Giordano dipinge il momento, in cui, la dea scorge il giovane assopito, mentre un puttino porta l’indice sulle labbra, invitando, così, al silenzio.

Luca giordano (1634-1705), a Castelvecchio, Verona. 							        In restauro, aperto al pubblico, due sue importanti opere.

Bacco e Arianna: il giovane dio Bacco (il greco Dioniso) s‘innamora della bellissima Arianna, abbandonata, dormiente da Teseo, che l’aveva sedotta, per vincere il minotauro – la celebre storia del filo d’Arianna... Valgono i versi di Lorenzo de Medici: «Quest'è Bacco ed Arianna, / belli, e l'un dell'altro ardenti / perché ‘l tempo fugge e inganna /sempre insieme stan contenti». Le due opere, a restauro eseguito, saranno esposte al Museo Petit Palais, Parigi, nella grande mostra Luca Giordano (1634-1705). Il trionfo della pittura napoletana – mostra aperta, dal 14 novembre 2019 al 27 febbraio 2020 – protagonista dell’arte europea del periodo Barocco. Giordano, talentuoso artista, fu famoso e ricercato – produsse non meno di cinquemila opere – particolarmente in Italia e in Spagna. Il piccolo cantiere, menzionato, sarà aperto fino al 4 ottobre 2019 e, con il suo lavoro, arricchirà l’offerta al pubblico, che, in seguito, si recherà in visita al Museo di Castelvecchio, museodicastelvecchio.comune.verona.it.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore