ATTUALITA' REGIONALE | venerdì 20 settembre 2019 06:10

ATTUALITA' REGIONALE | 13 settembre 2019, 14:53

Cortina tra le Righe: raccontare Mondiali e Olimpiadi, la grande sfida del giornalismo.

Sulla soglia di una duplice impresa collettiva – i Mondiali di Sci e le Olimpiadi invernali, vetrina dell’intero comparto sportivo, oltre che del mondo della neve e della montagna – Cortina tra le Righe dedica la quarta giornata al giornalismo sportivo, con il contributo dei grandi maestri della professione

Cortina tra le Righe: raccontare Mondiali e Olimpiadi,  la grande sfida del giornalismo.

 

Dopo un importante quanto delicato approfondimento deontologico, a cura di Luca Ginetto del TGR Veneto e l’avvocato Sonia Sommacal, il focus si sposta sulla gestione dei grandi eventi sportivi dal punto di vista dell’informazione. Il corso verterà sulle strategie dei grandi media – grazie alle testimonianze della vice direttrice di Rai Sport Ivana Vaccari, del vice direttore de La Repubblica Fabio Bogo, del direttore de Il Gazzettino Roberto Papetti e del direttore del Corriere del Veneto, del Trentino, dell’Alto Adige e di Bologna Alessandro Russello – sulla testimonianza di un campione come Kristian Ghedina, sull’importanza del digital con la testimonanza di Fabio Lalli, co-founder & ceo di Iquii Official, digital provider per Cortina 2021. Con uno speciale focus sulle Olimpiadi 2026 a cura di Luigi Alverà, Vice Sindaco del Comune di Cortina d’Ampezzo. Modera l’incontro Marco Pratellesi

 

Per il Cortina tra le Righe alla Ciasa de ra Regoles che ha ospitato la settimana di formazione giornalistica, è stata allestita una speciale mostra del più bravo fotografo di Coppa del Mondo: una selezione delle migliori immagini del Prix Armando Trovati

 

 

 

Cortina d’Ampezzo, 13 settembre 2019_ Cortina e lo sport: un binomio indivisibile. Cortina tra le Righe, la settimana di formazione dedicata ai giornalisti, dedica a questo tema la quarta e ultima giornata di incontri.

I prossimi Mondiali di Sci 2021 e, in prospettiva, le Olimpiadi invernali 2026 in tandem con Milano confermano e rilanciano la fama della località, e attraverso di lei, quella delle Dolomiti, della montagna e dello sport italiano. Per i giornalisti è l’occasione di raccontare non solo i grandi eventi, ma anche la loro preparazione, le ricadute sul territorio, l’heritage che lasciano in termini di immagine e storytelling.

 

Appuntamento sabato 14 settembre con due sessioni che affrontano il tema da punti di vista differenti: le grandi sfide, infatti, si adattano perfettamente sia alla cronaca sportiva che a quella di costume ed economica, oltre che, talvolta, giudiziaria.

 

E così, mentre la deontologia professionale sarà al centro dell’intervento dell’avvocato Sonia Sommacal e del giornalista del TG3 Luca Ginetto, la gestione della comunicazione dei grandi eventi sportivi, sarà raccontata da relatori come la vice direttrice di Rai Sport Ivana Vaccari, il vice direttore de La Repubblica Fabio Bogo, il direttore del Corriere del Veneto, del Trentino, dell’Alto Adige e di Bologna Alessandro Russello e il direttore de Il Gazzettino Roberto Papetti, oltre che al campione Kristian Ghedina, al manager Fabio Lalli, co-founder & ceo di Iquii Official, digital provider per Fondazione Cortina 2021 e al vice sindaco del Comune di Cortina d’Ampezzo Luigi Alverà. Modera l’incontro Marco Pratellesi.

 

Lo sport viene da sempre raccontato attraverso le immagini: esistono fotografie, in questo ambito, che hanno fatto la storia della società e del costume. Anche per questo motivo, durante Cortina tra le Righe i giornalisti sono invitati a visitare la mostra sul Prix Armando Trovati powered by Cortina 2021, realizzata dalla famiglia Trovati e da AIJS - International Association of Ski Journalists.

 

Alla Ciasa de ra Regoles si potranno ammirare i migliori scatti dei fotografi di Coppa del mondo di Sci, italiani e stranieri, tra cui quello vincitore della prima edizione, nel 2018, del prestigioso riconoscimento. Un modo per rendere omaggio ad Armando Trovati, maestro e punto di riferimento della fotografia sportiva a livello mondiale, scomparso nel 2017. Fedele narratore degli anni d’oro dello sci azzurro, foto manager di tutti i siti olimpici a Torino 2006, di Alberto Tomba e dei campioni, è stato l’apprezzato foto manager delle Coppe del Mondo che si sono svolte a Cortina – prima che suo figlio Alessandro raccogliesse questo testimone.

 

È possibile accreditarsi ai corsi sulla piattaforma Sigef: i colleghi intenzionati ad iscriversi a più di tre seminari (numero massimo consentito dalla piattaforma Sigef) sono pregati di inviare una mail a formazione@ordinegiornalisti.veneto.it, indicando nome, cognome, codice fiscale, Ordine di appartenenza, data e titolo degli eventi a cui si desidera partecipare (eccedenti i tre per i quali è possibile completare l’iscrizione su Sigef).

 

 

 

PROGRAMMA sabato 14 settembre

 

 

Titolo: LA DEONTOLOGIA NELL’INFORMAZIONE SPORTIVA

Durata: 2 ore

Crediti: 4

Relatori: Sonia Sommacal, avvocato; Luca Ginetto, TG3

 

L’avvocato Sonia Sommacal e il vice caporedattore Rai Tgr Veneto Luca Ginetto introducono un argomento complesso come la deontologia nell’ambito dell’informazione sportiva, addentrandosi in un territorio complesso e ricco di risvolti. Un percorso ricco di esempi concreti da analizzare. A fare da bussola, il codice Media e Sport, integrato nel Testo Unico dei Doveri del Giornalista.

 

 

Orario: 15.30-17.30

Titolo: COME INFORMARE SUI GRANDI EVENTI

Durata: 2 ore

Crediti: 2

Relatori: Ivana Vaccari vice direttrice Rai Sport; Fabio Bogo, vice direttore La Repubblica, Roberto Papetti direttore Il Gazzettino; Kristian Ghedina, campione del mondo di Sci Alpino, Fabio Lalli, co-founder & ceo Iquii Official, digital provider Fondazione Cortina 2021, Luigi Alverà vice sindaco Comune di Cortina d’Ampezzo.

 

Ad un giornalista occorre fiuto per le storie, ma anche capacità di intercettare i temi trasversali che fanno da sfondo al flusso di notizie da cui siamo costantemente bombardati, sorreggendo una narrazione più ampia. Da questo punto di vista i Mondiali di Sci e le Olimpiadi invernali rappresentano un banco di prova straordinario per chi fa questo mestiere. Il modello Cortina – il network che si è creato, le azioni in programma, l’attenzione per la sostenibilità ambientale ed economica – vuole lasciare il segno, e tracciare le linee guida della gestione degli eventi. Un fenomeno che coinvolge anche il giornalismo, chiamato a raccontare questo fermento. Racconti e osservatori diversi e complementari.

 

.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore