ANNUNCI E VARIE | venerdì 20 settembre 2019 06:11

ANNUNCI E VARIE | 20 agosto 2019, 09:26

Arsenale di Verona. Recupero e riqualificazione, a lotti.

Opera del 1861, voluta dall’Austria, a Verona, fino al 1866, fu progettato da tecnici militari dell’Austria stessa e costruito dall’impresa edile ing. Luigi Trezza. Esso ha lo stesso aspetto, in forma ridotta, però, di quello di Vienna. Dopo anni di abbandono, stanno avviandosi, a lotti, i lavori di riqualificazione, ad opera del Comune di Verona. Si guarda, soprattutto, per il momento, alle coperture di sette corpi di fabbrica del complesso. Per ora, quanto al 1° lotto, che prevede, appunto, interventi di restauro conservativo, è stato eseguito un importante percorso, approfondito e diversificato, di conoscenza della situazione, approvato dall’Amministrazione Comunale, percorso che ha permesso anche d’individuare le caratteristiche delle varie componenti costruttive, nonché lo stato di conservazione dei materiali degli edifici.

Arsenale di Verona. Recupero e riqualificazione, a lotti.

 


Un lavoro, che, sino ad oggi, non era mai stato fatto e che era assolutamente necessario, per realizzare interventi, studiati e definitivi, da realizzarsi in base a gara europea. Più precisamente, il cronoprogramma dei lavori prevede, a seconda della disponibilità di fondi: Lotto 1 - demolizione degli edifici non originali e non organici al compendio, bonifica ambientale e rifacimento reti tecnologiche. Lotto 2 - recupero della Corte Ovest, in cui traslocherà l’Accademia di Belle Arti, Verona. Lotto 3 - recupero della Corte Centrale, in cui si concentreranno i servizi e le funzioni destinate ai giovani, all’innovazione e alla tecnologia, all’arte e alla creatività, alla sostenibilità e all’ambiente. Lotto 4 - riqualificazione della Corte est, che ospiterà il mercato urbano. La Palazzina antistante diventerà uno spazio per eventi. Lotto 5 - creazione del grande Parco urbano dell’Arsenale e il recupero dei muri perimetrali. Lotto 6 - le due palazzine parallele, che affiancano la Corte centrale, saranno dedicate ad eventi, compresi quelli artistici, degli studenti dell’Accademia. Lotto 7 - per la Palazzina di Comando è stata privilegiata la destinazione culturale e museale, collegata direttamente con il Museo di Castelvecchio.

Pierantonio Braggio

Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore