ECONOMIA VERONESE | venerdì 19 aprile 2019 03:12

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | 13 aprile 2019, 22:42

Mario Cammalleri: da sempre, grande passione per la musica. Da giovane, gli amici lo avevano battezzato “Mario Beethoven”, frequentando egli il Conservatorio veronese.

Non è che Mario Cammalleri, veronese, non si sia impegnato, nella sua vita, in lavori, così come è di tutti, ma, ha saputo, dopo gli impegni di lavoro giornalieri, dedicarsi alla musica, nei diversi suoi aspetti, creando equilibrio fra gli uni e l’altra, e creandosi, in tal modo, un piacevole hobby, che gli rende serena, oggi, la vita di pensionato. Cammalleri, classe 1949, attivo e capace d’adattamento al moderno, mentre frequentava la Scuola media e, contemporaneamente, per tre anni, il Conservatorio Musicale E. F. Dall’Abaco, Verona, suonava – anni Sessanta – nei complessi beat veronesi “Le Scosse” e “Sexmachine”.

Mario Cammalleri: da sempre, grande passione per la musica. Da giovane, gli amici lo avevano battezzato “Mario Beethoven”, frequentando egli il Conservatorio veronese.

In merito, racconta Mario: “Ricordo i miei tempi del beat – anni Sessanta – con piacere e con allegria, senza alcuna malinconia, essendo aperto, oggi, anche alla musica modernaRicordo volentieri tali anni di gioventù, quando, amici ed io, facevamo le prove di musica beat, in una cantina, per esibirci, poi, nei teatri parrocchiali, che erano la vera culla del beat veronese… Un impegno, che era, al tempo, grande motivo di sana e costruttiva aggregazione”… Per essere stato discepolo del Conservatorio, gli amici lo battezzarono “Mario Beethoven”, musicista in divenire… Negli anni, dal Settanta al Duemila e seguenti, Cammalleri lavorò, per dieci anni, presso l’ufficio estero delle allora Officine Grafiche Mondadori, Verona, e, nel tempo libero, s’esibiva in serate di pianobar sul Lago di Garda, nonché in locali veronesi. Per trent’anni, il M° Cammalleri suonò, nelle festività pasquali e natalizie, anche in Hotels, in Val Senales, continuando tale lodevole impegno, oggi, in locali veronesi, quali Piper e il Bar di via Roma 33, nel periodo estivo, nel Ristorante Leon d’Oro, a Bosco Chiesanuova,  o nel Ristorante Du Schei, Piazza Isolo, nell’occasione del Capodanno. Data la sua grande attenzione per Dèa Musica e vista la richiesta di fans, M° Mario sta predisponendo un CD di musica jazz, che, in vero, è la sua passione…, talché, ancora oggi, frequenta, al lunedì sera, un workshop di affinamento del suo sapere musicale, presso la Scuola Lams, Verona. Passione, grande passione ed impegno, dicevamo, dunque, che hanno permesso a Cammalleri, anni orsono, di suonare il piano, a quattro mani, addirittura con il grande maestro Stefano Bollani, presso l’Hotel Medil, Campitello di Fassa, Trento. Il M° Cammalleri, circondato, nella sua confortevole stanza, da pianoforte, tastiere, chitarra, ukuele, spartiti e CD: “La musica è vita e alto mezzo di comunicazione, senza barriere e senza confini, essendo essa espressione dello spirito!”…

Pierantonio Braggio




Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore