ECONOMIA VERONESE | venerdì 19 aprile 2019 03:14

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | 25 marzo 2019, 19:41

Fieragricola Internazionale, Verona.

Cinque nuovi road shows e due eventi, in stalla, verso l’edizione 2020. Dialogo con i territorio, per promuovere l’innovazione in agricoltura.

Fieragricola Internazionale, Verona.


 Fieragricola, la rassegna internazionale dedicata all’agricoltura e alla zootecnia, pensa già alla sua 114ª edizione, prevista, dal 29 gennaio, all’1 febbraio 2020. Sette iniziative-dialogo toccheranno, da maggio a dicembre, territori strategici per la crescita della manifestazione e dell’agricoltura italiana. Si tratta di cinque road shows: rispettivamente, in Sicilia (maggio), in Campania (giugno), in Sardegna (settembre), in Puglia (novembre) e in Calabria (dicembre), e di due eventi live in stalla, uno in Emilia (giugno) e l’altro in Lombardia (ottobre). «Lo schema è consolidato e già nelle edizioni del 2016 e del 2018 di Fieragricola, i road show avevano dato risultati molto positivi, tanto che sono stati gli stessi territori a chiedere di proseguire, con questa modalità – commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. In vista della 114ª edizione di Fieragricola, puntiamo a intensificare il dialogo diretto, con gli agricoltori, gli allevatori, gli stakeholder della filiera agricola, forti dell’unicità di una rassegna internazionale e trasversale, sempre più in grado di dare risposte efficaci alle aziende, che cercano innovazione e strumenti in grado di favorire la competitività delle imprese, dall’agricoltura di precisione alle soluzioni per migliorare il benessere animale, la sostenibilità, la multifunzione e costruire percorsi virtuosi di economia circolare». Fieragricola dialogherà con l’Agricoltura, anche partecipando eventi italiani e all’estero – Marocco e Sudafrica – del settore. Fieragricola di Verona di ieri e di domani…: l’edizione 2018 ha potuto contare oltre 130mila visitatori, con delegazioni internazionali provenienti da 33 paesi, 900 incontri b2b, 700 capi di bestiame e una grande attenzione. da parte degli operatori professionali, all’agricoltura di precisione, alla zootecnia 4.0, alle colture specializzate come vigneto e frutteto. Per il 2020, Fieragricola potenzierà le aree della zootecnia (accanto all’Open Holstein Dairy Show, ci sarà il confronto europeo per Nazioni della razza Bruna e sarà rafforzata la presenza del segmento avicolo e della mangimistica), ma anche della meccanizzazione agricola, grazie all’ampliamento delle aree espositive, delle energie rinnovabili, della multifunzione e dell’economia circolare, dei servizi e del Dynamic Show.  Nell’edizione 2020, novità sarà il completamento del polo vitivinicolo di Fieragricola, con la concomitanza di Enolitech, salon, al quale sarà riservato il padiglione 3 del quartiere fieristico. Il Salone è dedicato a tutti gli operatori del settore della viticoltura, dell’olivicoltura e delle tecnologie per la gestione della cantina, dei frantoi, dei birrifici. Tutto, quindi, con la volontà di creare innovazione, di portare innovazione, informando e mostrando, per creare sempre migliore cultura in un’agricoltura, quella italiana, specialmente, che, in un mondo d’estrema concorrenza, dev’essere sempre in grado di egregiamente superarla.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore