ECONOMIA VERONESE | martedì 25 giugno 2019 13:06

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | 22 marzo 2019, 00:00

Strutture mediche: consigli per uno sviluppo sostenibile

La rivoluzione digitale ha cambiato le nostre abitudini ed il nostro modo di concepire e vivere il lavoro. Chi pensa al digitale solo come applicazione per i nuovi lavori o per le aziende più grandi non considera appieno la portata di tale cambiamento.

Strutture mediche: consigli per uno sviluppo sostenibile

La sanità, ad esempio, è uno di quei settori che tale rivoluzione ha travolto in ogni senso, spingendo vorticosamente questo mondo verso nuovi orizzonti che molto presto saranno rappresentati da una nuova era della sanità, molto probabilmente interamente digitale. Il digitale sarà capace di semplificare alcuni processi rendendoli più immediati e funzionali e sarà, oltretutto, capace di abbattere i costi di gestione delle strutture sanitarie ad ogni livello, anche per un piccolo studio medico di paese. Procedere verso uno sviluppo sostenibile della sanità è un percorso obbligato per riuscire ad offrire una sanità maggiormente efficiente ed economicamente sostenibile. La digitalizzazione, in questo senso, sarà lo strumento principe della nuova frontiera della medicina. Non a caso aziende come gipo.it da anni si concentrano sulle soluzioni per la gestione degli studi medici.
Un passaggio fondamentale per ogni struttura sanitaria, pubblica o privata, è l’organizzazione del lavoro e il management dei dati affidandoci ad un software gestionale capace di facilitare illavoro sia di segreteria che della professione medica in senso stretto. Obblighi di legge, adempimenti amministrativi, prescrizioni e fatture tendono a “rubare” sempre più tempo al paziente alla quale il medico non può dedicare le dovute attenzioni. Un software gestionale consente sicuramente di velocizzare processi come l’accettazione e la gestione dei pazienti, la gestione digitale dei documenti, la gestione del referto, la fatturazione, l’integrazione con i CUP cittadini, la gestione dei convenzionati SSN, l’integrazione con reparto di radiologia, la gestione della ricetta dematerializzata e numerosi altri servizi, abbattendo costi di gestione e tempo ma soprattutto riportando il medico verso l’attenzione al paziente.
Ma le “vie” del digitale non si limitano solo a queste soluzioni. Terapie digitali, telemedicina, digital health, sono tutti settori in forte espansione che consentono di potenziare la filiera sanitaria e la sostenibilità economica della sanità pubblica e privata. Sono ottime soluzioni per contenere i costi e traghettare nel futuro la propria struttura medica o il proprio ambulatorio, e consentono non solo di risparmiare in termini di stress sanitario, ma anche di ridurre gli sprechi di tempo e di soldi, configurandosi come un vero risparmio monetario concreto.
Le terapie digitali sono pensate per integrare o sostituire le cure tradizionali e consentiranno il miglioramento della qualità del servizio, soprattutto nel lungo termine, e coinvolgeranno maggiormente il paziente rendendo la terapia maggiormente valida ed efficace. Ad esempio un videogioco, come già accade, potrà curare i bambini affetti da disturbi cognitivi o programmi che aiutano a perdere peso riducendo i rischi cardiaci. Le principali case farmaceutiche hanno già iniziato ad investire in questo campo acquistando app e ampliando il loro orizzonte aziendale in questa direzione.
La telemedicina, invece già adesso, permette di offrire supporto medico e curare popolazioni in aree remote della terra o semplicemente di arrivare in modo tempestivo e veloce nelle case dei propri pazienti fornendo un supporto immediato e diretto, risparmiando tempo e soprattutto riducendo i costi di gestione. Basti pensare alle lunghe liste di attesa o alla pressione generale sul sistema sanitario per capire quanto la telemedicina sarà importante nel prossimo futuro.
Il digital health è il futuro e nasce dalla fusione tra le tecnologie digitali e gli studi genomici con l’intenzione di migliorare la sanità in ogni aspetto, oltre che prevenire o curare patologie e migliorare la qualità della vita degli esseri umani. Il nostro futuro prossimo sarà rappresentato da microchip che saranno in grado di analizzare il nostro Dna e studiare terapie personalizzate, di sostituire i nostri organi o assicurarne il giusto funzionamento, gestire i nostri dati vitali e intervenire per prevenire scompensi o l’insorgenza di patologie. Il digital health sarà capace di offrirci una sanità “su misura”, ottimizzata per le nostre necessità, una sanità cha avrà poggiato il piede in una nuova era: quella digitale(I.P.)

s.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore