ECONOMIA VERONESE | venerdì 19 aprile 2019 03:13

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | 21 marzo 2019, 12:58

Poesia in dialetto, a Porto di Legnago. XLI Serata GranGalà, 6 aprile 2019.

La poesia è espressione scritta, spesso, rimata, dello spirito. Essa è, con la pittura e la scultura – tutte e tre “arte” – una dell citate tre opportunità, che permettono al singolo di dare forma al proprio sentire e di trasmetterlo. La poesia, in verità, fra le tre dette arti è il genere, che – senza togliere nulla alla pittura ed alla scultura, che tanto ci appassionano ed ammiriamo, anche perché, solo guardandole, ci creano serenità – permette movimento, nel manifestare quanto spirito e mente, in se stessi, creano, in un continuo divenire, quasi, così, come avviene, attraverso un pellicola.

Poesia in dialetto, a Porto di Legnago. XLI Serata GranGalà, 6 aprile   2019.

La poesia, con le sue caratteristiche, meglio se rimata, s’arricchisce, spesso, di sentimenti e di chiarezza, vicinissimi al linguaggio popolare, diventando più colorita e maggiormente apprezzata, quando redatta, in qualsisi dialetto, vera e propria madre lingua, di chi alla poesia dialettale si dedica. A tale poesia, dialettale, sarà dedicata una serata speciale, presso il Tetaro Mignon, Porto di Legnago, Verona, dal “Club dei Poeti dialettali del Legnaghese”, che, creato da Sante Zamboni, nel lontano 1979, è tuttora attivo, grazie all’impegno della signora cav. Franca Isolan Ramazzotto, attuale sua presidente. Presidente, non esclusivamente per titolo, ma, perché non solo essa stessa compone versi, in dialetto legnaghese, ma, al tempo, raccoglie da decenni, testimonianze dialettali, dagli alti contenuti, circa tradizioni, usi e costumi d’un lontano passato, che, ormai, già quasi dimenticati, di per sé, andrebbero definitivamente perduti, nella cenere dei tempi. Imponente è l’opera, da Isolan Ramazzotto sinora realizzata. Cosa, che costituisce, pure, grande contributo a mantenere vivo il dialetto e a non perderne i preziosi vocaboli, che, una volta scritti, e quindi, registrati, diventano materiale in memoria, per chi verrà dopo di noi, il quale potrà venire a sapere, attraverso tale lavoro di raccolta e di accumulo, “come parlàvimo e come vivévimo nuàltri”. Per info: lucio.martinelli@poste.it. Un Lucio Martinelli, che augura a tutti i Poeti, una buona Giornata mondiale della Poesia – 21 marzo 2019.

Pierantonio Braggio




Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore