ANNUNCI E VARIE | martedì 21 maggio 2019 23:51

Cerca nel web

ANNUNCI E VARIE | 13 marzo 2019, 21:56

“Eccellenza” al “Magnifico Convivio - Ballo in Maschera” del 489° Carnevale di Verona.

Parlano le fotografie: alla Gran Guardia, sembrava d’essere ospiti, in un suntuoso palazzo della Serenissima, grazie ad Antonio Giarola e a Valerio Corradi.

“Eccellenza” al “Magnifico Convivio - Ballo in Maschera” del 489° Carnevale di Verona.

In articoli di qualche giorno fa, non solo avevamo annunciato, su questo foglio, il grande Carnevale di Verona, alla sua 489ª edizione, ma, segnalammo anche che, nel magnifico Palazzo della Gran Guardia, che s’erge nel centro della città scaligera, in Piazza Bra, avrebbe avuto luogo, la sera del 5 marzo 2019, la seconda edizione de “Il Magnifico Convivio - Ballo in Maschera”. Un evento, mirante a donare a Verona, un qualcosa d’innovativo e di originale, che completasse, in modo elegante e signorile, i festeggiamenti del Carnevale veronese 2019. Il noto regista, Antonio Giarola, e il presidente del Bacanàl del Gnòco - Carnevale di Verona, Valerio Corradi, hanno perfettamente centrato l’obiettivo, gettando le basi, per un evento straordinario, che si radicherà, certamente, negli anni a venire, facendo del “Ballo in Maschera” un momento essenziale del Carnevale veronese, con sicuri, positivi risvolti internazionali. Lo conferma la presenza, al gran ballo, di numerosissime “sióre màscare”, tutte indossanti elegantissimi, fastosi costumi, in un’atmosfera, dicevamo, signorile ed allegra, che riproduceva, perfettamente, quella di Piazza San Marco o di qualche importante salone veneziano. L’esperienza di Giarola, sapientemente portata a Verona, ha subito germogliato, dando prezioso frutto – ci complimentiamo con il regista e con il presidente Corradi – creando un evento, che non potrà più mancare alla Città scaligera. Tanto più che il ballo – onorato dalla presenza del “Papà del Gnòco”, la secolare maschera veronese – aveva ed avrà specifico scopo di solidarietà. Testimoniano la spettacolarità, mai vista a Verona ed irriproducibile, sino all’anno venturo, le fotografie, le quali, una ad una, fanno pensare ad un fantasioso, provvisorio trasferimento dei colori veneziani, nella sempre più grande Verona. Trasferimento d’alto successo, del quale non abbiamo potuto fare a meno di riferire…

Pierantonio Braggio



Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore