ECONOMIA VERONESE | venerdì 22 febbraio 2019 04:05

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | 07 febbraio 2019, 12:44

Banco BPM, al 31.12.2018. Più bene del previsto il risultato del derisking.

Riferisce il comunicato di Banco BPM: Nel 2018, è stata portata a termine una rilevantissima azione di derisking: il Gruppo ha ridotto, nell’esercizio, l’ammontare lordo dei crediti non performing di € 13,6 miliardi, con un decremento complessivo degli stock dalla data di fusione, di € 18,2 miliardi,
 pari ad oltre il doppio di quanto previsto, dal piano strategico. – Le due cessioni (Exodus e Ace) hanno ridotto lo stock dei crediti in sofferenza del 72,5%, ad un prezzo complessivo del 28,3%, valore ampiamente superiore ad altre operazioni paragonabili

Banco BPM, al 31.12.2018.  Più bene del previsto il risultato del derisking.

Sofferenze nette a € 1,6 miliardi (- € 4,9 miliardi rispetto a fine 2017), con incidenza sul totale degli impieghi che scende all’1,5% (6,0% a fine 2017). – Solida posizione patrimoniale
: CET 1 ratio pro-forma “ifrs 9 phased in” al 13,5% (fully phased al 11,5%), nonostante l’impatto negativo del derisking e dei titoli governativi. – Eccellente posizione di liquidità, con attività, stanziabili libere, per € 18,7 miliardi. – La capacita’ di creare valore e la resilienza del gruppo sono state confermate anche dall’esito dell’eu stress-test. – Risultato netto “normalizzato” (al netto, tra gli altri, degli impatti legati al progetto “ace”) pari a + € 343 milioni. – Risultato netto ante impairment - € 56 milioni influenzato dall’impatto del derisking e dalle altre componenti non ricorrenti (il risultato al 31 dicembre 2017 includeva gli utili straordinari della cessione di Aletti Gestielle sgr). – Proventi operativi € 4.773 milioni (€ 4.484 milioni al 31 dicembre 2017, + 6,4%). – Oneri operativi € 2.793 milioni (€ 2.924 milioni al 31 dicembre 2017, - 4,5%). – Risultato della gestione operativa + € 1.980 milioni (€ 1.560 milioni, al 31 dicembre 2017, + 27,0%). – 
Risultato dell’operatività corrente normalizzato + € 552 milioni. – Impieghi netti a clientela € 104,0 miliardi: 
bonis + 2,7% rispetto a dicembre 2017
deteriorati - 48,4% rispetto a dicembre 2017 (-53,6% sul valore al lordo delle rettifiche). – Raccolta diretta “core” € 78,7 miliardi (+5,8% da inizio anno).




Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore