ANNUNCI E VARIE | lunedì 19 agosto 2019 06:49

ANNUNCI E VARIE | 23 gennaio 2019, 18:06

ACLI Verona, Comune di Verona e Fondazione Cattolica, per il recupero di generi alimentari. Nell’ambito del progetto REBUS, convegno, presso la Sala Bisoffi di Cattolica Assicurazioni, e laboratori, nel Palazzo della Gran Guardia.

Attraverso il coordinamento, creato da ACLI Verona e nel quadro del progetto REBUS – Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente, sono stati recuperati, nella provincia di Verona, nel 2017, 1.050.308, kg di generi alimentari utilizzabili, dati da frutta, verdura, prodotti da forno e pasti cotti, per un valore di 2 mln di euro, e 5018 confezioni di farmci, per un controvalore di 65.000 euro. Materiale, che, se non raccolto e non riutilizzato è anche fonte di forte inquinamento.

ACLI Verona, Comune di Verona e Fondazione Cattolica, per il recupero di generi alimentari. Nell’ambito del progetto REBUS, convegno, presso la Sala Bisoffi di Cattolica Assicurazioni, e laboratori, nel Palazzo della Gran Guardia.

Per sensibilizzare il pubblico e per creare collaborazione in materia, co le Acli veronesi, si terranno nei giorni 25 gennaio, nella Sala Bisoffi di Cattolica Assicurazioni, Verona, il convegno, da titolo “Lo spreco, che vale, Le eccedenze, come opportunità”, e, il 26 gennaio 2019, dalle ore 14,30, presso il Palazzo della Gran Guardia, laboratori ed happy hour, con concerto ad entrata gratuita. REBUS recupera eccedenze di beni utilizzabili, attraverso una rete di solidairuetà fra istituzioni no profit, raccogliendo beni invenduti, con elevato potere d’utilizzo, ma, non più con valore commrerciale, la loro donazione ad enti d’assistenza e di beneficenza, mirando alla promozione di stli di vita sostenibili e solidali, prevenendo la riduzione dello spreco. I detti prodotti – agricoli ed alimentari freschi – provengono da mercati ortofrutticoli, da supermercati, da ipermercati e dalla ristorazione organizzata, da mense, da aziende, ecc. Tale raccolta, evta pure la creazione d’inquinamento, segreteria@acliverona.ot , 045 9275000.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore