ECONOMIA VERONESE | martedì 25 giugno 2019 13:06

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | 04 gennaio 2019, 17:35

A cura di Fondazione Cariverona, grande concerto, nella chiesa di San Tomaso Cantuariense, Verona, commemorativo della presenza di Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), nella città scaligera, nel 1770.

L’appuntamento è per il 7 gennaio, lunedì, alle ore 21,00, nella Chiesa di San Tomaso Cantuariense, nella quale, avrà luogo il tradizionale incontro musicale, commemorativo della storica esecuzione mozartiana del 7 gennaio 1770. L’organo, custodito nella Chiesa di San Tomaso, datato 1716 e realizzato da Giuseppe Bonatti, fu suonato dal giovane Wolfgang Amadeus Mozart, durante uno dei suoi tre viaggi in Italia, accompagnato dal padre, pure amante della musica. Il quale, nella propria corrispondenza narra come, per l’occasione, vi fosse una folla tale, da rendere difficoltoso l’ingresso del giovane artista stesso, e dicendosi stupito di tanto clamore. Il passaggio di Mozart a Verona, è testimoniato dalle sue iniziali incise ed ancora presenti, sull’organo in parola.

A cura di Fondazione Cariverona, grande concerto, nella chiesa di San Tomaso Cantuariense, Verona, commemorativo  della presenza di Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), nella città scaligera, nel 1770.

Il prezioso strumento verrà suonato, durante l’appuntamento citato, dal raffinato e prestigioso interprete, il M° Andrea Marcon, direttore delle iniziative musicali di Fondazione Cariverona, accompagnato dal Quartetto VenEthos Ensemble, composto da Giacomo Catana, Mauro Spinazzè, Francesco Lovato, e Massimo Zaborra Raccanelli. Il programma della serata prevede l’esecuzione di nove composizioni dell’artista settecentesco: Quartetto per archi in Sol maggiore KV. 156, Adagio in Do maggiore KV. 356, la Sonata del signor Mozart ridotta per l’organo dal signor Nicoló Moretti, le Sonate da Chiesa in Fa maggiore, Re maggiore, Sol maggiore e Do maggiore. L’appuntamento musicale si concluderà con la Fantasia in Re minore KV. 397 e il Quartetto per archi in Sol Maggiore KV. 80.

Un’ulteriore, quindi, grande iniziativa culturale di Fondazione Cariverona, che promuove importante storia musicale e fa sapere ai veronesi d’oggi, come Amadeus sia stato a Verona il 7 gennaio 1770 e l’abbia onorata, con la sua immortale musica.

Pierantonio Braggio



Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore