ECONOMIA VERONESE | venerdì 18 gennaio 2019 22:02

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | lunedì 10 dicembre 2018, 23:46

Cattolica per la Vita”. Dipendenti della Compagnia assicuratrice e cittadinanza possono contribuirvi, con azioni di solidarietà.

È attivo, dal 6 dicembre 2018, “Cattolica per la Vita”, il primo Fondo del Gruppo Cattolica, a carattere sociale. Istituito, all’interno dell’ente di filantropia culturale e sociale, Fondazione Italiana per il Dono, tale Fondo, aperto ai dipendenti e alla cittadinanza, punta a rendere, chi lo desideri, protagonista di azioni di solidarietà, per migliorare il benessere della comunità, con piccole o grandi donazioni.

Cattolica per la Vita”.                                                           Dipendenti della Compagnia assicuratrice e cittadinanza possono contribuirvi, con azioni di solidarietà.

I contributi apportati al Fondo sono rivolti a sostenere iniziative di solidarietà, sul territorio, individuate, con cadenza annuale, dal Comitato di Direzione di Cattolica. “Atto di Cuore”, la prima iniziativa, cui è dedicato il Fondo, nasce dalla collaborazione con il personale medico dell’Ospedale di Borgo Trento, Verona – Ospedale della Donna e del Bambino – ed è dedicata all’acquisto di un ecografo per la diagnosi prenatale delle cardiopatie congenite. Pur trattandosi della più frequente forma di malformazione congenita dei feti, che affligge tra i 3 e gli 8 neonati su 1000, sono poche le strutture ospedaliere, dotate di macchinari capaci di diagnosticarle: in Veneto, ad esempio, esistono solamente 2 centri, attrezzati per effettuare analisi approfondite, in tal settore. Diagnosticare tempestivamente la difficoltà cardiaca accresce le possibilità d’intervento nei bambini, che possono nascere in questi centri attrezzati, per le cure del neonato cardiopatico. Per aderire a “Cattolica per la Vita” e sostenere l’iniziativa, è sufficiente collegarsi al sito http://dona.perildono.it/atto-di-cuore/. Un’ottima iniziativa, che permette a chiunque, anche con modestissimo impegno, di essere di aiuto, in interventi di vario genere e, comunque, di solidarietà, come quello, sopra descritto, destinato all’individuazione di cardiopatie congenite, in neonati: un aiuto agli stessi e alle loro mamme. Tutto, nella certezza, che i fondi versati, saranno amministrati ed impiegati, nel modo migliore.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore