ECONOMIA VERONESE | sabato 15 dicembre 2018 04:12

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | lunedì 03 dicembre 2018, 12:43

“Stocoibellunesi” - Coldiretti Verona, per la Montagna veneta, colpita dal maltempo. L’evento ha avuto luogo, sabato 1 dicembre 2018, ed ha ospitato imprese agricole di Belluno.

L’importante e lodevole manifestazione ha inteso sostenere le Aziende della provincia di Belluno, danneggiate duramente, dal maltempo delle scorse settimane, facendone acquistare i prodotti. L’evento si è tenuto presso il Mercato km 0, di viale del Lavoro 52, sito accanto alla sede veronese di Coldiretti, dove, dalle 8 alle 13, insieme alle imprese scaligere, alcune Aziende agricole bellunesi hanno potuto porre in vendita vino, confetture, salumi, carne bianca, formaggi e prodotti di cosmesi.

“Stocoibellunesi” - Coldiretti Verona, per la Montagna veneta, colpita dal maltempo. 		                 L’evento ha avuto luogo, sabato 1 dicembre 2018, ed ha ospitato imprese agricole di Belluno.

 «Si tratta di un’azione di solidarietà – ha precisato Giuseppe Ruffini, direttore di Coldiretti Verona – mirante ad aiutare gli imprenditori agricoli di un territorio, gravemente colpito da alluvione, e che hanno subito, quindi, pesanti danni alle proprie aziende, con non poche  preoccupazioni, per le produzioni e per la prossima stagione dell’alpeggio. E’ importante sostenere l’economia agricola della montagna veneta…”! Chi ha visitato il mercato ha potuto degustare prodotti tipici dell’altopiano di Asiago, uno speciale risotto ed una saporita polenta alla salciccia, come da antica ricetta bellunese. Erano presenti, ed attivi in cucina, l’agrichef Roberto De Marchi, Vicenza, e l’agrichef Fiorella Dal Negro, dell’Agriturismo “Alle Torricelle”, Verona, oltre a diversi altri titolari di agriturismi di Verona e provincia. 

Con l’occasione, è proseguita la raccolta di firme, relativa alla petizione «Stop al cibo anonimo», per chiedere all’Europa trasparenza sulla provenienza di quanto mangiamo, rendendo obbligatoria l’indicazione di origine degli alimenti, per prevenire le frodi alimentari e garantire i diritti e la salute dei consumatori. L’agricoltura e i danni, ai quali spesso è sottoposta, vanno fatti conoscere, onde il consumatore si renda conto, che fare agricoltura non è cosa semplice, ma grande impegno, accompagnato dalla volontà di proporre al cittadino alta qualità.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore