ECONOMIA VERONESE | sabato 15 dicembre 2018 04:20

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | lunedì 26 novembre 2018, 23:29

Manifesti pubblicitari: tutte le strategie per renderli efficaci

Per i nostri lettori pensiamo utile rappresentare una strategia comunicazionale che è fortemente innovativa e da attenzionare per chi, come noi, si occupa dei nuovi media

Manifesti pubblicitari: tutte le strategie per renderli efficaci

La costante crescita della comunicazione digitale non mina l’efficacia della pubblicità offline: entrambe sono infatti delle leve essenziali all’interno di una sana strategia di promozione integrata, importante tanto per le grandi aziende quanto per i liberi professionisti e le PMI per raggiungere il proprio pubblico.

Il digitale, infatti, può diventare anche uno strumento funzionale alla pubblicità su carta, come dimostrano i servizi online specializzati nella stampa di manifesti pubblicitari

Tra le varie forme di comunicazione tradizionale, i manifesti restano uno dei format i più efficaci, grazie alla loro visibilità. Di seguito alcune indicazioni su come realizzarli al meglio.

 

 

 

Awareness e branding

 

Gli addetti ai lavori la identificano con l’acronimo “OoH” (Out-of-Home): si tratta della pubblicità che vediamo fuori casa, della quale i manifesti sono i re indiscussi. L’obiettivo principale di questi tipo di pubblicità è rafforzare la notorietà e consapevolezza (awareness) del marchio.

Per raggiungere tale scopo, i manifesti dovranno essere progettati con cura, considerando che le persone che li visualizzano sono in movimento e difficilmente hanno il tempo materiale per soffermarsi sul testo (in media si parla di 4-6 secondi). L’obiettivo primario di questo tipo di pubblicità non sarà informare ma fare branding; di conseguenza, la fruizione fugace di un manifesto non metterà affatto in discussione la sua efficacia.

Come misurare l’efficacia di un manifesto pubblicitario? Per farlo è necessario basarsi sulla DEC (Daily Circulation Effective), che calcola quanti veicoli e pedoni passano in prossimità di un manifesto, e sul conteggio EOI (Eyes on Impressions), che considera variabili come età, occupazione e livello di istruzione ed è quindi più preciso del precedente.

 

Semplicità, immediatezza e curiosità

 

Per raggiungere e massimizzare i risultati del proprio investimento è necessario rispettare alcune semplici regole. La prima chiave per un manifesto di successo è la semplicità: laddove la fruizione del messaggio è rapida, puntare su un messaggio e un’immagine che sono facilmente comprensibili consente di essere immediatamente identificati. A questo proposito può essere utile pensare a uno slogan facile da ricordare e che sintetizzi l’identità dell’azienda in una sola frase.

Un altro importante aspetto da non sottovalutare è la dimensione del logo: occorre infatti trovare il giusto equilibrio, in quanto un logo troppo grande distoglie l’attenzione dal contenuto e uno troppo piccolo rischia di passare inosservato. Vi sono però delle eccezioni a riguardo: in occasioni particolari come le campagne di lancio di un nuovo prodotto, per esempio, il logo viene volutamente omesso per essere svelato solo in seguito, al fine di creare curiosità.

S. G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore