ECONOMIA VERONESE | mercoledì 24 luglio 2019 11:54

ECONOMIA VERONESE | 17 novembre 2018, 08:56

“Bottega, scuola, Accademia”. La pittura a Verona dal 1570 al 1630. Sala Boggian, Castel Vecchio, Verona, 17 novembre 2018 - 5 maggio 2109.

La stagione culturale autunnale veronese, si arricchisce di un nuovo importante appuntamento, – sottolinea l’assessore alla Cultura del Comune di Verona, Francesca Briani. Arte e storia s’incontrano, per raccontare, attraverso le opere pittoriche esposte, un momento di particolare creatività artistica del nostro territorio”. Un’intesità produttiva che, tra il 1500 ed il 1600 – secolo della peste, che ha colpito anche molti pittori del tempo – ha portato alla realizzazione di capolavori straordinari. Un’ampia e ricca esposizione, che sarà possibile ammirare, grazie alle importanti collaborazioni, avviate con le principali collezioni civiche.

“Bottega, scuola, Accademia”. La pittura a Verona dal 1570 al 1630. Sala Boggian, Castel Vecchio, Verona, 17 novembre 2018 - 5 maggio  2109.

“Tutto con particolare attenzione a Domenico Brusasorzi, mente erano attivi a Verona anche Bernardino India, Paolo Farinati, Tintoretto, Tiziano, Veronese e Palma il Giovane, Sante Creara, Alessandro Turchi, Pasquale Ottino e Marcantonio Bassetti. Questo fondamentale momento della produzione artistica veronese fu bruscamente interrotto, come cennato, dalla peste del 1630, che portò alla morte di molti pittori e che mutò in maniera radicale la sensibilità di coloro, che sopravvissero, aprendo la strada a una stagione dell'arte. La mostra avrà luogo nella Sala Boggian, Museo di Castel Vecchio, Verona, al 17 novembre al 5 maggio 2018, Info: tel.: +39 045 8062611, fax: +39 045 8010729, castelvecchio@comune.verona.it, museodicastelvecchio.comune.verona.it.

Pierantonio Braggio

Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore