ECONOMIA VERONESE | domenica 18 novembre 2018 14:19

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | lunedì 05 novembre 2018, 12:53

Partnership, tra Accademia Renato Bruson, Busseto, e Festival Internazionale Maria Callas, Verona.

Sinergia importante, nel mondo del Melodramma, per la divulgazione del Belcanto e della cultura operistica, nella sua forma più autentica, attraverso azioni congiunte, di respiro nazionale ed internazionale.

Partnership, tra Accademia Renato Bruson, Busseto, e Festival Internazionale Maria Callas, Verona.

 

          Renato Bruson, Giuseppe Verdi e Busseto: tre eccellenze, che costituiscono le colonne portanti dell’Accademia Renato Bruson e che, ora, si prestano a sostenere e ad essere condivise, con un prestigioso Festival. Dallo scorso anno, Renato Bruson, ultimo grande baritono verdiano contemporaneo, dedica la sua vita e dona la sua esperienza ai giovani cantanti lirici, avendo istituito, nel 2017, a Busseto, l’Accademia, che porta il suo nome, e della quale è direttore artistico e docente principale. Lezioni del Maestro, conferenze con prestigiosi ospiti, un team di docenti di altissimo livello e dalle carriere internazionali, per gli insegnamenti di Tecnica vocale, Lettura dello spartito, Arte scenica, Dizione, Foniatria ed Anatomo-fisiologia della voce cantata, quest’ultima in collaborazione con il Professional Voice Center di Abano Terme, costituiscono il patrimonio didattico dell’Accademia di Busseto. Le lezioni sono finalizzate all’allestimento di una rappresentazione lirica di fine corso, presso il prestigioso Teatro Verdi di Busseto, in concessione all’Accademia, per le sue attività didattiche e concertistiche. Il M° Renato Bruson, parafrasando il Cigno di Busseto:”Per cantare, ci vuole anche la voce”. E aggiunge: “È importante che i giovani imparino un repertorio e, non solo la romanza o il do di petto, ma, è necessario conoscere anche le parti degli altri, per interpretare bene il proprio personaggio. Onde la voce duri a lungo, e si possa avere una carriera di 54 anni di palcoscenico, come l’ho avuta io, è necessario studiare il repertorio, adatto alle proprie qualità vocali e non voler correre troppo, nel cantare qualsiasi cosa”. Dopo il primo anno d’attività dell’Accademia – con studenti provenienti da diciassette paesi del mondo – l’anno accademico 2018/2019 godrà della sinergia, con il Festival Internazionale Maria Callas, talché, sempre più giovani cantanti avranno l’opportunità di studiare con un Maestro d’altissima levatura, ma anche testare la propria preparazione. All’audizione del 24 novembre 2018, a Parma, sarà presente anche il presidente del Festival, il M° Nicola Guerini, che dichiara: «Sono molto felice, per la nuova partnership, con l’Accademia Renato Bruson, che crerà un dialogo, tra due eccellenze: dialogo, che è nato, con la consegna del Premio Internazionale Maria Callas e continuerà con la condivisione d’iniziative, volte alla segnalazione e formazione dei giovani talenti». Quanto al Festival Internazionale Maria Callas, esso nacque a Verona, il 2 dicembre 2013, in occasione del 90° anniversario della nascita del grande soprano e si svolge, ogni anno, tra due date significative: il 2 dicembre, giorno della nascita dell’Artista, e il 2 agosto, data del suo debutto areniano, ne La Gioconda di Amilcare Ponchielli, iniziando l’ascesa di M. Callas,  nel firmamento della lirica internazionale, per diventare il più grande soprano del Novecento. Intanto, il Festival, guarda a New York per il 2023, anno del Centenario della nascita della “Divina”. Presidente e direttore artistico del Festival è il direttore d’orchestra,  Maestro Nicola Guerini, ideatore e promotore dell’iniziativa, il quale l’ha sviluppata, attraverso sinergie e collaborazioni importanti. Dal 2013, il Festival ha dedicato un ciclo d’incontri, dal titolo I Volti di Maria Callas, che ha visto la partecipazione di studiosi e artisti di fama internazionale, come Philip Gossett, Enrico Girardi, Elvio Giudici, Giovanni Gavazzeni, Giancarlo Landini, Giovanna Lomazzi, Angelo Foletto, Italo Moscati, Maria Chiara, Daniela Dessì, Stefania Bonfadelli, Cecilia Gasdia, Fiorenza Cedolins, Pierluigi Pizzi, Donato Renzetti, Gianfranco Cecchele e Rolando Panerai. Importante, quindi, l’invito ufficiale, rivolto al Festival del M° Guerini, per il 2019, pervenuto dallo Shanghai Spring International Music Festival. Quanto ai riconoscimenti, assegnati dal Festival, nel quadro del Premio Internazionale Maria Callas, se, nel 2014, il regista Franco Zeffirelli è stato insignito del titolo di Presidente Onorario del Festival, successivamente, il prestigioso riconoscimento annuale è stato assegnato, nel 2015, al soprano Maria Chiara; nel 2016, al baritono Rolando Panerai; nel 2017, al tenore Gianfranco Cecchele, e, lo scorso 2 agosto 2018, al baritono Renato Bruson, che, oggi, afferma:“Sono felice della partnership, con il Festival Internazionale Maria Callas, e auguro ai giovani cantanti di arrivare, un giorno, a poter meritare questo prestigioso premio”. Grande passo avanti, dunque, del Festival, ideato dal Maestro Guerini e felicemente corrisposto dal Maestro Bruson, nel quadro d’una fattiva promozione della lirica, della sua cultura e dei giovani, che ad esse si dedicano.

Pierantonio Braggio

 

 

 

 

Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

sabato 17 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore