ECONOMIA VERONESE | domenica 18 novembre 2018 13:53

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | martedì 11 settembre 2018, 10:07

Arsenale di Verona e innovazione, da parte del Comune. Ridare vita ad una grande e preziosa struttura, attraverso il progetto Ars-district.

Molte intenzioni ed introduzione di innovazione nella grande area dell’austriaco Arsenale. Intenzioni serie, che sono già in fase d’attento approfondimento, essendo esse, ormai, parte del progetto “Ars district”, nell’ambito del quale, realizzare rapidamente nuova vita, in una struttura storica, da troppo tempo, in attesa di risistemazione definitiva.

Arsenale di Verona e innovazione, da parte del Comune. Ridare vita ad una grande e preziosa struttura, attraverso il progetto Ars-district.

Ciò, anche, attraverso costruttivi confronti, con altre aree e realizzazioni, già in essere in Italia e all’estero. “Ars district”, o distretto d’arte, vuole diventare forte raggruppamento, bene studiato e ponderato, dei fattori arte, storia, sapere, mostre, tempo libero ed incontri, per cittadini e famiglie veronesi e visitatori esteri e, quindi, un punto, al tempo, grandemente aperto al mondo. Tutto, dando luce a tradizioni e a storia scaligere e capace di creare un “festival”, attivo tutto l’anno. In tal senso, già si stanno raccogliendo attivamente dati ed esempi, anche in base a quanto avviene, come citato, in altre città estere ed italiane, per avere una visione completa del da farsi e, quindi, per dare ad essa attenta realizzazione. La cui attuazione inizierebbe con il trasferimento, in Arsenale, dell’Accademia di Belle Arti di Verona, Gian Bettino Cignaroli, oggi ospitata nell’antico palazzo di via Carlo Montanari, Verona. Hanno presentato l’interessante progetto l’assessore alla Pianificazione urbanistica, Ilaria Segala, e il vicesindaco di Verona, Luca Zanotto.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

sabato 17 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore