ECONOMIA VERONESE | martedì 16 ottobre 2018 10:42

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | martedì 07 agosto 2018, 18:24

Le Serre Comunali di Verona, come luogo di storia, d’arte, di ottimale vista sulla città, di coltivazione e di cultura.

Una possibile nuova attrazione, per visitatori e turisti, fra un verde attentamente curato.

Le Serre Comunali di Verona, come luogo di storia, d’arte, di ottimale vista sulla città, di coltivazione e di cultura.

Le Serre Comunali del Comune di Verona, si trovano in una felice posizione, fra il centro città ed il quartiere di Borgo Trento, fra l’Adige e l’inizio della collina, ospitate da una costruzione circolare, in cotto, detta rondella, quale parte dell’antica cinta magistrale veronese, voluta, a scopo di difesa, negli anni Venti del 1500, da Venezia, e rafforzata, a metà 1800, in tufo ed in opus poligonale, dall’Austria. Le Serre Comunali di Verona – allocate in detta rondella, dai primi anni Cinquanta del 1900, quando capo-giardinieri era il cav. Berzacola, che noi avemmo il piacere di conoscere e sotto la guida del quale è avvenuta la piantumazione di tutta l’area, detta delle “Torricelle”– costituiscono un vero e proprio giardino botanico, custodito in una fortezza, si direbbe, con la differenza che al visitatore vengono segnalati anche particolari, sul come le diverse piante devono essere curate. A questo lato importante della visita, va aggiunto anche il fatto, che ci si trova dinanzi ad un monumento veneziano-austriaco, ben conservato, che non solo permette di esaminare e di confrontare de visu significativi stili di costruzione militare, che sono storia ed arte, ma, anche di godere, da un’angolatura inedita, una straordinaria parte del panorama, che offre la città scaligera. Quanto sopra abbiamo potuto raccontare grazie ad una visita alle Serre, saggiamente voluta dall’assessore al Patrimonio e Demanio, Edi Maria Neri, e dall’assessore ai Giardini, Marco Padovani, visto e considerato, che dette Serre, potrebbero diventare un’ulteriore attrattiva per visitatori e turisti, con tanto di guida, anche in fatto di piante e della loro coltivazione, come luogo di storia, d’arte, d’ottimale vista sulla città, e, in totale, d’alta cultura. Hanno accompagnato il gruppo in visita il responsabile ai Giardini del Comune di Verona, Stefano Oliboni,, e Roberto Cordioli, esperto coltivatore e direttore delle Serre stesse, le quali, oltre al compito di “coltivare” per i giardini cittadini, provvedono ad interventi d’addobbo, con piante e fiori, quando circostanze ed eventi comunali lo richiedono. Il progetto di aprire al pubblico un nuovo complesso di visita, peraltro, dicevamo, altamente culturale e bello, ossia, le Serre Comunali, è ottima iniziativa, che interesserà sicuramente anche gli stessi veronesi.

Pierantonio Braggio




Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

lunedì 15 ottobre
venerdì 12 ottobre
giovedì 11 ottobre
mercoledì 10 ottobre
martedì 09 ottobre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore