ANNUNCI E VARIE | domenica 18 novembre 2018 13:51

Cerca nel web

ANNUNCI E VARIE | giovedì 12 luglio 2018, 15:44

La “cimice asiatica” si estende anche al Veronese. A difesa delle culture venete, 300 mila ettari, contributi regionali.

Reti antigrandine e antinsetto risultano essere, per ora, i migliori sistemi difensivi per proteggere i frutteti dagli attacchi della cimice asiatica, il vorace insetto dall’Estremo Oriente, che, dal 2015, sta aggredendo le colture venete. Lo ha ribadito l’assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan, a Coldiretti e a rappresentanti dei produttori ortofrutticoli della Bassa Padovana, preoccupati per i danni, che l’insetto alieno (Halymorpha halys, il nome scientifico) sta causando a mele, pere, pesche, kiwi, mais e soia in tutto il territorio regionale.

La “cimice asiatica” si estende anche al Veronese.  A difesa delle culture venete, 300 mila ettari, contributi regionali.

Da una iniziale concentrazione nell’Alta padovana e nel Trevigiano, la cimice asiática, si sta diffondendo, ora, con particolare invasività, nella Bassa Padovana, nel Polesine e nel Veronese. Il ‘potenziale’ delle colture aggredibili in Veneto – tra frutteti e seminativi - supera i 300 mila ettari, per una produzione totale di oltre 4 milioni e mezzo di tonnellate che, in termini economici, vale un fatturato di oltre 660 milioni di euro. “La Regione Veneto ha affidato al Dipartimento di agronomia animali e ambiente dell’Università di Padova l’incarico di studiare la localizzazione e il ciclo di attività della cimice asiatica - ricorda Pan – e di individuare le migliori strategie di prevenzione e contrasto. Al momento, il lavoro dei ricercatori, coordinati dal dott. Alberto Pozzebon, e dei servizi fitosanitari della Regione Veneto ha consentito di mappare la presenza della cimice nel nostro territorio, di osservarne l’evoluzione e di indicare le possibili misure di contenimento. Lo studio ha prodotto, per ora, questa prima evidenza: le cimici asiatiche infestano e danneggiano soprattutto i margini degli appezzamenti e la misura più efficace, per limitare i danni e ridurre l’uso di insetticidi chimici, risulta essere il posizionamento di reti antigrandine e reti antinsetto, in modo da chiudere i bordi degli appezzamenti”. Il progetto di ricerca, finanziato con 62.750 euro, prevede tre strategie: a) lo studio delle preferenze della cimice, di fronte alle diverse varietà colturali; b) l’individuazione dei migliori antagonisti naturali, puntando ad allevare i parassitoidi più efficaci; c) test su prodotti di origine naturale, in grado di esercitare un effetto repelente, nei confronti della cimice asiatica.“In attesa che il lavoro dei ricercatori ottenga risultati sperimentabili su vasta scala, la Regione – conferma l’assessore all’Agricoltura - continua a sostenere i produttori ortofrutticoli ammettendo ai contributi dei bandi Psr gli investimenti finalizzati alla difesa attiva, come l’acquisto e la collocazione di reti antinsetto. Sono investimenti utili, per migliorare le prestazioni e la competitività dell’impresa agricola, che possono godere di contributi dal 40 al 60% della spesa sostenuta, a seconda dei soggetti e delle zone interessate. Ma è solo investendo in ricerca e sperimentazione che sarà possibile individuare, con la collaborazione degli stessi produttori, la via migliore per contrastare la diffusione delle aree coltivate di questa specie infestante”.



In Veneto le colture maggiormente interessate dall’infestazione di cimice asiatica sono le seguenti:




Coltura

Ettari in Regione

Produzione in tonn.

Valore della produzione milioni di €

Melo

5.634

3.064.882

105

Pero

3.022

776.902

59

Pesco e nettarine

2.683

568.325

21

Actinidia

3.078

702.100

35

Mais

169.709

17.376.765

317

Soia

134.275

4.542.196

129






Purtroppo, l’agricoltura non ha pace ed è sempre più colpita da devastanti parassiti, Il più recente ed attivo dei quali è la citata “cimice asiatica”. L’intervento di Regione Veneto in merito è molto importante ed incisivo, avendo già provveduto a ricerche scientifiche ad hoc e prevedendo anche contributi – come si legge nel comunicato n. 962-2018 (AGRICOLTURA) - MC - 11 luglio 2018, di cui sopra - miranti alla migliore tutela delle culture, escludendo, il più possibile l’impiego d’antiparassitari.

Pierantonio Braggio


Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

sabato 17 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore