ESPRIME CULTURA | mercoledì 15 agosto 2018 16:49

Cerca nel web

ESPRIME CULTURA | sabato 09 giugno 2018, 09:57

L’University of Georgia, USA, a Verona

Quaranta studenti americani partecipano al XXV “Verona Study Abroad Program” 2018.

A cura del dott. Jerome Legge, professore emerito, presso la Scuola di Affari Pubblici e Internazionali dell’Università della Georgia, USA, e della coordinatrice, dott.ssa Orsolya Farkas, si sta realizzando, a Verona, il XV programma veronese di “Verona Study Abroad Program”, cui prendono parte quaranta studenti americani. I quali sono stati ricevuti e salutati ufficialmente, nella Sala Arazzi del Municipio di Verona, dall’assessore alla Cultura ed al Turismo, Francesca Briani. In sei settimane di studio, in aula e con contatti diretti con l’ambiente e la cultura veronesi, i giovani americani – la maggior parte dei quali proviene dalla Facoltà di Scienze Politiche e di Economia, s’introducono nella cultura, nella lingua italiana, nella sua letteratura, negli usi e nei costumi locali, per meglio conoscerli ed apprezzarli, nonché approfondiscono i temi dell’Olocauto, dei sistemi elettorali europei, italiano e locale-amministrativo, non trascurando il Diritto nell’Unione Europea. Va segnalato, inoltre, che, da oltre 15 anni, accanto al programma estivo descritto, si realizza anche una sessione primaverile d’undici settimane. Nella recente primavera, infatti, studenti americani non solo sono stati ospiti della tenuta Serego Alighieri, Valpolicella, Verona, ma hanno, quindi, realizzato qualche ricetta d’un tempo, durante una lezione di cucina, tenutasi in un locale di Verona. Gli stessi hanno pure potuto conoscere in loco le attività d’un agriturismo veronese e godere di escursioni sino a Padova e Venezia. Si tratta, dunque, d’un’importante, lodevole iniziativa, meritevole d’essere conosciuta, perché, se permette a giovani americani di conoscere de visu Verona, il suo territorio – e città vicine, con i loro usi e costumi, oltre a creare maggiore comprensione, promuove ulteriormente Verona stessa, negli Stati Uniti d’America.

Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore